Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Comune di Ancona, presentato il piano assunzioni: previsti 125 nuovi inserimenti

Nell'incontro con le Rsu e le parti sindacali è stato siglato anche il nuovo contratto decentrato dopo 6 anni di attesa. Per i 700 dipendenti scatteranno le indennità previste

ANCONA – Siglato il nuovo contratto decentrato del Comune di Ancona e formalizzato il piano assunzioni dell’ente. Un provvedimento atteso da circa 9 anni dai 700 dipendenti del Comune per i quali scatteranno finalmente le progressioni economiche orizzontali, oltre alle nuove indennità previste dal contratto nazionale lavoro, come quelle legate alle responsabilità dei compiti assegnati e quelle per la polizia locale.

Insomma, una situazione che si è finalmente sbloccata dopo l’atto unilaterale commissariale del giugno 2013, prima dell’insediamento della giunta Mancinelli, e dopo un lungo periodo di contrattazione con le Rsu e le organizzazioni sindacali.

Nel corso dell’incontro con le parti sindacali, il primo cittadino Valeria Mancinelli ha presentato il nuovo piano assunzioni per il triennio 2020-2022 che punta a  “rimpinguare” le schiere dei dipendenti comunali assottigliate dai pensionamenti, specie dopo Quota 100. In previsione c’è l’assunzione di 125 nuovi dipendenti che consentiranno all’ente anche di potenziare i servizi offerti ai cittadini.

Parla di «punto di partenza» e non di arrivo, il sindacalista Luca Talevi della Fp Cisl che ricorda: «Rimane ancora aperto il tema del mancato pagamento della produttività 2013, anno a cavallo tra il commissariamento e la prima giunta Mancinelli, e nei prossimi giorni si chiederà un apposito incontro in merito».