Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Ancona, la cometa di Natale a Portonovo nella foto straordinaria di Andrea Amici

Lo scatto è già stato ripreso da Focus e Epod. Raffigura la Baia di Portonovo avvolta da un cielo stellato, con una cometa che sembra proprio quella del presepe natalizio: «Alla fine ce l'ho fatta, era da novembre che provavo»

L'ultimo scatto di Amici, pubblicato da Focus

ANCONA – È Natale, sì, però stavolta la stella cometa non è sul presepe, ma a Portonovo. Si chiama C2021 Leonard @Baia di Portonovo il nuovo scatto di Andrea Amici pubblicato giovedì scorso (23 dicembre) sulla sua pagina social, @andystix.

Con questo soprannome il venditore di moto anconetano è infatti conosciuto a livello internazionale. «L’ultimo scatto è già andato su Focus e a breve andrà anche sulla Epod (Earth picture of the day) della Usra (Universities Space Research Association)». A dirlo è proprio Amici, che racconta: «La foto l’ho chiamata dal nome di colui che ha scoperto la stella cometa, Gregory J. Leonard».

Andrea Amici
Andrea Amici (foto d’archivio)

Una stella difficile da scorgere e uno scatto complesso da realizzare: «A differenza della famosa cometa Neowise, questa ha una bassa luminosità e anche l’orario è molto scomodo. Nei cieli italiani, ad esempio, è stato possibile osservarla fino a domenica 12 dicembre, tra le 3 e le 6 del mattino in direzione Nord-est, non altissima nel cielo».

Le luci della notte che riflettono il fondale, una cometa che spruzza il cielo di polvere di stelle è l’atmosfera natalizia che regala questo scatto. In poche ore, centinaia di like per Portonovo sovrastata dal cielo viola.

Lo scatto è una panoramica di ben 3 blocchi, cioè 3 scatti affiancati in modo orizzontale: uno per la terra, uno per il cielo e l’altro per la cometa, al fine di enfatizzarla.

«Era da fine novembre che cercavo le ideali condizioni meteo, ma purtroppo non ha smesso mai di piovere e il cielo era sempre coperto» – racconta il fotografo. «Avevo quasi perso le speranze, ma la mattina di venerdì 10 dicembre, dopo essermi svegliato alle 3.45, ho finalmente scattato».

Quel giorno «miracolosamente le condizioni erano ottimali e ho potuto scattare fino alle 6 del mattino. Alla fine, ho catturato anche un piccolo temporale assieme alle luci del crepuscolo dell’alba». Sul lato destro della foto, ecco il verde del Parco del Conero.

Un verde che richiama il colore quasi smeraldo della stella, «dovuto al fatto che contiene molecole di carbonio biatomico che producono proprio questo effetto cromatico quando vengono illuminate dalla radiazione solare nel vuoto dello spazio».

Insomma, è anche questa la magia del Natale. E chissà che dietro quella cometa non spunti davvero Babbo Natale sulla slitta