Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Stefano Caporossi ai saluti: «Ancona bella città, in 3 anni reati in calo»

Il colonnello lascia il comando provinciale dei carabinieri e andrà alla guida del IV Reggimento Carabinieri a cavallo di Roma. Al suo posto arriverà Cristian Carrozza, esperto di criminalità organizzata

Il comandante Stefano Caporossi
Il comandante Stefano Caporossi

ANCONA – Tre anni alla guida del comando provinciale dei carabinieri dove ha registrato un calo dei reati e una attenzione sempre più forte al fenomeno dello spaccio di droga. Saluta il capoluogo dorico il colonnello Stefano Caporossi che da domani si trasferirà a Roma alla guida del IV Reggimento Carabinieri a cavallo, la carica più alta a cui un militare può aspirare. «Lascio una bella realtà – commenta Caporossi – dove in tre anni di attività abbiamo registrato un calo dei reati. Questo non significa che non ci sono problematiche riguardanti reati predatori e comuni ma rispetto ad altre città non ci sono insediamenti di criminalità organizzata».

Nel bilancio dell’ultimo anno i delitti in generale sono diminuiti del 17% (dati interforze da gennaio ad agosto). Nello specifico calano i furti del 9%, le rapine del 50%, incendi dolosi del 50% e i danneggiamenti del 20%. Caporossi si è trovato a gestire l’allarme terrorismo di matrice islamica dopo i fatti di Parigi con l’espulsione dal territorio italiano di un cittadino di area africana da Cerreto d’Esi, avvenuta ad aprile (leggi l’articolo). Per il traffico di sostanze stupefacenti i carabinieri si sono trovati a seguire soprattuto arrivi da fuori regione che sono andati ad alimentare lo spaccio di cocaina ed eroina oltre ad hashish e marijuana già altamente presente. «Il problema dei furti – dice Caporossi – è quello che crea la percezione che non si è più sicuri nemmeno a casa, nel focolare domestico, pur essendo questo reato in calo. Bisogna che i cittadini inizino anche ad adottare delle forme di cautela individuali perché ci sono ancora persone che lasciano finestre e porte aperte di casa e le chiavi nell’auto».

Il colonnello Cristian Carrozza
Il colonnello Cristian Carrozza

Originario di Apecchio, nella provincia di Pesaro-Urbino, 54 anni, Caporossi ha conseguito diverse specializzazioni militari tra le quali quella di istruttore militare di equitazione. La carriera militare l’ha intrapresa nel 1983. Da venerdì il suo posto sarà preso dal colonnello Cristian Carrozza, 50 anni, originario di Sulmona. Carrozza è laureato in Giurisprudenza ed è stato impegnato nel contrasto alla criminalità organizzata, nella lotta al contrabbando e all’immigrazione clandestina.

Il Generale di Brigata Gianfranco Carozza, al termine della cerimonia ufficiale con il personale del Comando Regionale Marche, alla presenza del Comandante Interregionale dell’Italia Centrale e Centro-Settentrionale, Generale di Corpo d’Armata Edoardo Valente e del nuovo Comandante Regionale, Generale di Brigata Fabrizio Toscano, ha salutato le autorità di vertice della Regione con un momento conviviale cui hanno partecipato tutti all’unisono, testimoniando gratitudine e vicinanza al Corpo della Guardia di Finanza per aver rinsaldato ulteriormente gli stretti rapporti con le Istituzioni dello Stato, a difesa della sicurezza economica e finanziaria del territorio.