Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Coldiretti Ancona, dal carcere al Mercato Dorico 80 chili di ortaggi per le Patronesse: andranno a famiglie in difficoltà

Non è la prima volta che Mercato Dorico e Coldiretti si occupano di solidarietà. Barcaglione e Patronesse si erano incrociati per lo stesso motivo anche lo scorso anno

ANCONA – Torna la solidarietà al Mercato Dorico dove questa mattina 20 luglio sono stati consegnati alle Patronesse del Salesi oltre 80 chili tra pomodori e melanzane destinati a famiglie anconetane in difficoltà. Merito dei detenuti dell’azienda agricola del Carcere di Barcaglione che hanno messo a disposizione parte dei prodotti coltivati nell’orto sociale. Antonio Carletti, presidente di Federpensionati Coldiretti Ancona e “nonno” dei detenuti ai quali insegna i rudimenti della coltivazione, e Sandro Marozzi, l’agronomo di Barcaglione, hanno così incontrato la presidente delle Patronesse, Milena Fiore, per la consegna delle cassette.

L’attività agricola dietro le sbarre è un modo, per i detenuti, per imparare un lavoro e puntare al reinserimento sociale. In questo caso diventa anche un aiuto concreto a tutta la comunità. Non è la prima volta che Mercato Dorico e Coldiretti si occupano di solidarietà. Barcaglione e Patronesse si erano incrociati per lo stesso motivo anche lo scorso anno. Solidarietà che ha contraddistinto l’attività di questi anni con tante iniziative che hanno portato oltre 11mila chili di prodotti alimentari Made in Italy, a chilometro zero e di altissima qualità nelle case di tutta la provincia con l’obiettivo di sostenere le famiglie in crisi economica per gli effetti della pandemia.