Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

“Christmas Green Weekend”: 100 giovani ecologisti puliscono la spiaggia di Portonovo e il parco Unicef

L'operazione è stata organizzata nel weekend dall’associazione giovanile “Casa dei giovani Piero Alfieri” e dalla realtà no-profit “2Hands Ancona”: ben 356 kg di rifiuti raccolti

Giovani ecologisti puliscono la spiaggia di Portonovo

ANCONA – Cento giovanissimi volontari, nel weekend, hanno ripulito la spiaggia del Molo di Portonovo e il parco Unicef nel quartiere Q3 di Ancona e hanno raccolto ben 356 kg di rifiuti. L’evento ecologico “Christmas Green Weekend” è stato pensato e realizzato dall’associazione giovanile “Casa dei giovani Piero Alfieri”, attiva sul territorio nel campo del sociale e dell’educazione da circa 4 anni, e dalla neonata realtà no-profit “2Hands Ancona”, che opera nel settore dell’ambientalismo da alcune settimane. Muniti di mascherine, molte di colore rosso per festeggiare il Natale, i ragazzi hanno operato nel rispetto delle regole di distanziamento.

Le due associazioni hanno unito le forze e hanno radunato un centinaio di giovani ecologisti, equipaggiati con un “kit per la pulizia” contenente due guanti e una busta per i rifiuti. I volontari hanno ripulito 2 km della baia di Portonovo nella mattinata di sabato 19 dicembre e la vasta area verde del Parco dell’Unicef nel pomeriggio del giorno seguente. Due eventi di pulizia organizzati per sensibilizzare e far toccare con mano alla città il problema dell’inquinamento urbano.

Micro-plastiche, una dozzina di sacchi di indifferenziata, centinaia di mozziconi e pericolosi ferri arrugginiti sono solo parte del curioso bottino raccolto durante il weekend ecologico. A questi si aggiungono un biliardino, decine di sedie di plastica e un peluche di dimensioni umane. Bottino ben differenziato dalle due associazioni e confezionato per essere ritirato dall’azienda AnconAmbiente.

Al termine delle due operazioni di salvaguardia del territorio, i promettenti ecologisti hanno pesato tutti i rifiuti raccolti raggiungendo numeri che fanno realmente riflettere. Nella sola giornata di sabato sono stati raccolti ben 129 kg tra plastica, buste di indifferenziata, vetro e metalli. Il tutto in uno dei tratti di costa più frequentati della regione. Le mareggiate, spiegano con grande serietà i ragazzi, portano a riva tutto ciò che il mare non è naturalmente in grado di digerire. L’intervento in spiaggia nei mesi invernali è essenziale per far sì che tutto ciò che viene restituito dalle acque, non torni nei fondali marini ad opera delle correnti. Dopo poco più di 24 ore, nel pomeriggio di domenica, il parco Unicef è stato ripulito di ben 227 kg di rifiuti. Per un totale di 356 kg raccolti nell’intero weekend. Il parco è stato ben scandagliato anche da un gruppo di giovanissimi Scout di Ancona che, conosciuta l’iniziativa, si sono aggiunti alle decine di partecipanti già sul posto poco dopo le 14.

«Mancava da tempo un’energia del genere – racconta Andrea Alfieri Padiglioni, vicepresidente della “Casa dei giovani Piero Alfieri” – nel nostro territorio. È stato pazzesco che più di cento coetanei abbiano risposto al nostro invito. Una chiamata da parte dell’ambiente che noi abbiamo semplicemente intercettato. Io e Tommaso Mattia Pretto, il responsabile di “2Hands Ancona”, quando ci siamo conosciuti ci siamo fatti una promessa. Avremmo fatto rete per dar vita ad un vero e proprio movimento di solidarietà ecologica. Noi giovani siamo veloci a capirci, ad organizzarci. Tanto c’è da fare, soprattutto a livello di sensibilizzazione. Una volta ripulite le spiagge e i parchi dobbiamo portare una vita eco-sostenibile all’interno delle nostre case».

In un periodo così delicato, le persone che passeggiavano lungo la baia o all’interno del parco, sono rimaste colpite dalla serietà e dalla grinta delle due associazioni. Un tema, quello dell’inquinamento urbano, che non può prendersi delle pause troppo lunghe. Ma come testimoniano le immagini, in sicurezza si può continuare a sognare e a lavorare. Il loro motto? “Vietato non copiare quello che facciamo”.

Pulizia della spiaggia di Portonovo e del Parco Unicef