Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Chiodi nei würstel per uccidere i cani, Lav Ancona e i cittadini dorici in prima linea nella lotta – VIDEO

Associazioni e anconetani in campo per combattere questa orribile pratica, perpetrata a Brecce Bianche. «Chi fa queste cose è uno psicopatico»

Lav Ancona
Un volontario di Lav attacca un volantino per allertare la cittadinanza

ANCONA – I chiodi nei würstel che sono stati trovati nel quartiere Brecce Bianche di Ancona nei giorni scorsi, un pericolo mortale per tutti i cani della zona, non hanno lasciato indifferente i cittadini. Le varie associazioni spontanee sono scese in campo per contrastare in modo diretto la minaccia portando ognuno il proprio contributo. Capofila a tutela degli animali, come di consueto accade in territorio anconetano, ci sono i ragazzi di Lav Ancona che tramite il loro rappresentante Massimiliano Stampella hanno rimarcato il loro incessante impegno sul territorio: «Questa è una piaga vera e propria per gli animali e per tutto il quartiere – ha spiegato Stampella -. Da parte nostra abbiamo provveduto ad informare la cittadinanza e attaccare quasi 200 volantini per mantenere alto lo stato d’allerta. Riscontri? Fortunatamente sono stati positivi perché adesso i cani girano con la museruola e sono protetti. Il rischio c’è ed è concreto, purtroppo. Prima di Natale avevamo avuto delle avvisaglie in quanto si sono verificate le stesse e identiche cose. Con le Forze dell’Ordine e i Vigili Urbani il contatto è quotidiano. Speriamo che quanto prima si riesca a mettere fine a questa storia».

Anche i cittadini, rappresentati da Franco e Alessandra della Pasticceria “Vecchia Ancona”, una delle istituzioni a Brecce Bianche, hanno fatto sentire la propria voce: «Chi fa queste cose è uno psicopatico. Non è normale seminare würstel o polpette con i chiodi. Sono tre anni che succedono queste cose e chi ha degli animali può capirci. Va fermata questa piaga e chiunque abbia notizie o abbia visto qualcosa deve segnalare alle autorità. Non è possibile andare avanti così».