Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Ancona, il centrodestra occupa l’aula: «Consiglio comunale non convocato da 70 giorni». Dini: «Mail inviata il 28 aprile»

I consiglieri comunali di Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia hanno dato vita a un sit-in pacifico nell’aula consiliare a Palazzo del Popolo. Immediata la replica della presidente del consiglio comunale Susanna Dini

Ancona
L'occupazione dell'aula del consiglio comunale da parte di FdI, Lega e Forza Italia (Foto: Angelo Eliantonio)

ANCONA- Protesta dei consiglieri comunali di centrodestra-Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia – che questa mattina (5 maggio) hanno occupato pacificamente l’aula consiliare a Palazzo del Popolo per chiedere la convocazione del consiglio comunale.

«Da ben settanta giorni ad Ancona non viene convocato il consiglio comunale, inaccettabile per un capoluogo di regione. Solo promesse e scuse ingiustificabili. Siamo qui in sit-in e ci resteremo fino a quando non ci arriverà la convocazione ufficiale» dichiarano i consiglieri comunali della Lega Marco Ausili, Antonella Andreoli e Maria Grazia De Angelis.

«Siamo qui per pretendere risposte chiare per gli anconetani chiusi in casa da giorni. Meritano rispetto, tempi certi e aiuti concreti, non solo promesse.
Abbiamo occupato i banchi della giunta Mancinelli, non andremo via finché non verrà convocato il consiglio comunale» spiega Angelo Eliantonio, capogruppo FdI.

Poco dopo l’occupazione è arrivata la replica della presidente del consiglio comunale, Susanna Dini. «Il 28 aprile scorso, via mail, è stata inviata una nota a consiglieri e capigruppo con l’elenco delle convocazioni delle commissioni consiliari e contestualmente, della data di convocazione del Consiglio comunale, previsto per lunedì 11 maggio – sottolinea la Dini -. A seguito del decreto “Cura Italia” del 17 marzo, all’interno del quale è stata prevista la possibilità per i consigli comunali di riunirsi in modalità telematica, e seguendo le linee guida nazionali dell’Anci, si sono predisposte le convocazioni (con decreto del presidente consiglio comunale) per due conferenze dei capigruppo e avviato un lavoro di approntamento degli strumenti tecnici. L’attività delle commissioni e del consiglio sono riprese e riprendono a seguito dell’emanazione, il 15 aprile scorso, del decreto della presidenza del consiglio comunale sul disciplinare dello svolgimento di queste attività per via telematica. Si tratta di uno strumento fondamentale, poiché le riunioni a causa dell’emergenza non possono essere svolte in presenza. Per effettuare ciò è stato necessario l’approntamento di tutti gli elementi tecnici necessari e di un regolamento che garantisse la generale partecipazione alle sedute delle commissioni e del consiglio. Per l’emergenza Covid, oltre a discuterne nelle Capigruppo già effettuate, se ne parla anche oggi e nei prossimi giorni nelle relative commissioni. Quindi sorprende quanto espresso dalla opposizione considerato che il 28 aprile scorso era stata inviata una nota con il cronoprogramma delle commissioni e del consiglio a tutti i consiglieri».

Immediata la risposta del capogruppo di Forza Italia, Daniele Berardinelli: «Vittoria! Dopo le continue proteste che da giorni facciamo, dopo l’occupazione pacifica ma dall’alto valore simbolico dell’aula del consiglio comunale di questa mattina, finalmente siamo riusciti ad ottenere la convocazione del consiglio dopo 70 giorni. Altri comuni sono settimane che si riuniscono, chiaramente via streaming – afferma Berardinelli -. L’email arrivata era una informale comunicazione di possibile calendario delle riunioni. Ricordo inoltre che la convocazione del consiglio comunale è stata inviata, dopo la nostra protesta, solo mezz’ora prima della chiusura degli uffici comunali e oggi era il termine ultimo per la convocazione».