Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Capodanno, Falconara: vietati mortaretti e petardi

Il sindaco Stefania Signorini: «Pensiamo tutti alle conseguenze che un gesto banale come accendere un petardo può avere. L’anno scorso un cane spaventato scappò da un giardino e provocò un incidente nel quale perse la vita, mettendo in pericolo quella dell’automobilista»

Petardi

FALCONARA MARITTIMA – Vietato a Falconara l’utilizzo dei petardi a tutela delle fasce più fragili della popolazione e degli animali. Il sindaco Stefania Signorini domani firmerà un’ordinanza che vieterà appunto per il Capodanno 2019 l’accensione di mortaretti e petardi sulla pubblica via, nelle piazze e nei luoghi aperti al pubblico.

«Un’ordinanza – scrive in una nota il Comune – per tutelare i soggetti più deboli, come bambini, anziani, persone diversamente abili e animali domestici, la cui sicurezza potrebbe essere minacciata dall’utilizzo nei luoghi pubblici di giochi pirotecnici che provocano forte rumore. L’esplosione dei mortaretti, oltre a mettere a rischio l’incolumità fisica, crea potenziale pericolo di incendio a contatto con materiale infiammabile, vista la presenza lungo le strade di veicoli in sosta». Sarà invece possibile utilizzare liberamente tutti gli altri fuochi d’artificio.

Il divieto di utilizzare nelle aree pubbliche petardi e mortaretti per garantire la sicurezza dei cittadini risponde anche alle indicazioni arrivate nei giorni scorsi dalla Prefettura di Ancona, che su disposizione del Ministero dell’Interno ha invitato tutti i Comuni a sensibilizzare la cittadinanza per un uso responsabile e consapevole degli artifici pirotecnici. Al posto dei “botti” che presentano forti indici di pericolosità, per l’Amministrazione è «meglio utilizzare prodotti che valorizzino i giochi di luce e producano effetti spettacolari e meno dirompenti».

Il sindaco Stefania Signorini con la sua cagnolina Leila

«È importante – dichiara il sindaco Stefania Signorini – che tutti ci rendiamo conto di quanto il lancio di un petardo possa creare disagio nelle persone più fragili. Quello che può sembrare un gesto banale è in grado di provocare ansia e paura nelle persone più sensibili. Prima di compierlo pensiamo agli altri, compresi gli animali, che hanno diritto al nostro rispetto, vivono con noi, ci fanno compagnia e fanno parte delle nostre famiglie. Ricordo che l’anno scorso un cane, fuggito dal cancello di un giardino perché spaventato dallo scoppio di un petardo, ha attraversato via Flaminia ed è stato investito da un’auto. Ha perso la vita e anche la donna al volante, che non è riuscita a evitarlo, ha rischiato molto. Pensiamo alle conseguenze che un gioco esplodente può provocare. L’invito rivolto a tutti è quello di divertirsi rispettando le regole, scegliendo fuochi d’artificio meno rischiosi e che siano completamente in regola, adottando tutte le precauzioni necessarie».

All’appello del primo cittadino si unisce anche il Comitato My Fido, gruppo di amanti degli animali che a Falconara ha raccolto oltre 200 adesioni in pochi mesi e che ha avviato una collaborazione con il Comune. Gli attivisti di My Fido, oltre a raccomandare di non utilizzare i “botti”, in questo periodo natalizio invitano tutti a non regalare un cane come fosse un oggetto, ma piuttosto ad adottare un amico a quattro zampe in modo consapevole. «Fate diventare la scelta di prendere un cane come un momento condiviso e ponderato per accogliere quello che diventerà a tutti gli effetti un membro della famiglia per anni», scrive il Comitato My Fido.