Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Canile Anita, tra «amore viscerale» e nuovi progetti. Ecco le “Adozioni del cuore per i cani del Sud”

Il lockdown ha segnato un'impennata di affidi: per questo l'associazione che gestisce la struttura di via delle Caserme, a Falconara, sta adottando altri cani da Calabria e Sicilia

Una volontaria di Anita coccola alcuni ospiti

FALCONARA – Si trova in via delle Caserme a Falconara ed è un punto di riferimento per tutte quelle famiglie che vogliono adottare cuccioli, spesso abbandonati o provenienti da situazioni difficili. Rappresenta un fiore all’occhiello per i canili ed è gestito con passione, impegno e amore dall’associazione Anita. «Il nostro cuore batte forte per i cani: è un amore viscerale». La voce è quella dei volontari della Onlus che stanno portando avanti diversi progetti, i cui destinatari sono sempre gli animali e le persone che se ne prendono cura portandoli a casa. Durante il lockdown, tra l’altro, si è verificata una situazione particolare. Se da un lato non sono mancate le difficoltà, considerata l’impossibilità di visitare la struttura, Anita ha risposto riuscendo ad affidare tanti, tanti cagnolini alla gente.

«La pandemia, per certi versi, è stata una spinta in più per gli affidi – raccontano -. Ora sono rimasti pochi cani e che ugualmente cercano una casa. Ma per rispondere alla crescente richiesta, abbiamo pensato di organizzare un progetto volgendo lo sguardo al sud Italia, specie in Sicilia e Calabria, dove i canili risultano spesso affollati». Così l’Anita ha deciso di realizzare l’iniziativa ‘Le adozioni del cuore per i cani del Sud’. In pratica l’associazione si occupa del prelevamento e del trasporto sino a Falconara, poi funge da intermediaria con le famiglie dei Comuni dell’hinterland anconetano e non solo.

I cuccioli che arrivano dal Meridione sono tutti sterilizzati e vaccinati, in buone condizioni, dunque l’auspicio è che in struttura ci rimangano per poco tempo prima di partire per altri lidi, dove ad attenderli ci saranno le cure amorevoli delle persone. Tuttavia il trasporto comporta una spesa da parte di Anita. Che ha scelto di rivolgere un appello alla cittadinanza: «Per chi vorrà, potrete sostenere i costi dei viaggi e il passaggio a Falconara – spiegano ancora -. Si potrà compartecipare con piccole donazioni».

Già in molti, privati ed associazioni, hanno aderito tramite il progetto ‘le madrine di Anita’. Ma le partecipazioni attive si stanno allargando di giorno in giorno, tramite contatto diretto con Alessandra Amici, responsabile delle adozioni, che si occupa anche di intrattenere le relazioni con l’esterno (messaggio su WhatsApp a lei al 339 2631965). Affidi nel territorio, ‘salvataggi’ di cani dal Sud e un infinito amore per gli amici a quattro zampe: c’è un cuore che pulsa fortissimo in via delle Caserme. E tanti cuoricini che meritano di essere amati e protetti.