Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Camerano: inseguimento in auto, l’incidente e malviventi in fuga a piedi

I carabinieri notato un'auto sospetta, una Fiat Bravo, con a bordo alcuni soggetti, lungo il tratto autostradale dell’A14 tra i caselli di Senigallia ed Ancona Sud. Ecco cosa è successo

CAMERANO – Malviventi in fuga a tutta velocità, la loro auto si ribalta e si danno alla macchia a piedi nei pressi di Camerano.

È capitato nel corso della notte tra sabato e domenica scorsi. I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Osimo hanno effettuato controlli per la prevenzione e repressione di reati in genere, in particolare dei furti ai danni di abitazioni private ed esercizi commerciali, che dopo le riaperture post-lockdown hanno fatto registrare un leggero incremento in tutta la provincia di Ancona.

Durante queste azioni, hanno notato un’auto sospetta, una Fiat Bravo, con a bordo alcuni soggetti, lungo il tratto autostradale dell’A14 compreso tra i caselli di Senigallia ed Ancona Sud.
Veniva quindi predisposto un dispositivo di controllo alla circolazione stradale, con l’ausilio delle pattuglie della Compagnia di Ancona, presso il casello “Ancona Sud – Osimo”, ove il veicolo attenzionato sarebbe transitato in uscita dall’autostrada. Intorno alle ore 4:45, giungeva la Fiat Bravo. Il conducente, con a bordo altri tre individui incappucciati, alla vista dei militari accelerava improvvisamente, incurante dell’alt intimatogli, varcava il casello a forte velocità abbattendo la barriera e si allontanava.

È scattato l’inseguimento, che si è protratto sulla SS.16 Adriatica in direzione Sud e poi sulla via Sbrozzola del comune di Camerano, tanto da porre i fuggiaschi nelle condizioni di affrontare una curva a velocità elevatissima, finendo fuori strada. Nonostante il violento impatto, i quattro malviventi riuscivano ad abbandonare il mezzo non più marciante e si davano alla fuga a piedi per i campi, facendo perdere le proprie tracce.  

All’interno del veicolo è stato rinvenuto denaro contante ed altra merce di dubbia provenienza, ritenuta verosimilmente provento di attività illecite e sottoposta a sequestro. Sono in corso indagini ed accertamenti volti all’identificazione dei quattro soggetti e a stabilire la provenienza certa di quanto rinvenuto nel veicolo.