Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Junker, l’App che aiuta a differenziare è attiva anche a Camerano

Sono 320 gli utenti che finora hanno utilizzato l'applicazione. Dall'analisi del software, i prodotti più ricercati sono il dentifricio, gli imballaggi per cibo animale, i prodotti da bagno e le confezioni di biscotti

L'App Junker
L'App Junker

CAMERANO- Un’app che aiuta a fare bene la raccolta differenziata, Si chiama “Junker” ed è attiva nel Comune di Camerano da oltre 6 mesi. L’applicazione per smartphone e tablet è gratuita, sono 320 gli utenti che finora l’hanno utilizzata mentre i prodotti cercati sono 2.830. L’App fornisce tutte le informazioni inerenti la raccolta differenziata: scansiona il codice a barre di un prodotto, lo scompone nelle materie prime che lo costituiscono e indica in quali bidoni vanno gettate le varie parti indicando anche le generalità del prodotto, dell’imballaggio e informazioni aggiuntive sul rifiuto da conferire. Se il prodotto non viene riconosciuto basta fotografarlo tramite l’applicazione e trasmetterlo a “Junker” che in pochi minuti risponde con le informazioni richieste e contemporaneamente viene aggiunto nell’archivio a beneficio degli altri utenti. Se non è presente il codice a barre, l’App riconosce anche il simbolo del materiale o in alternativa è possibile digitare il nome del prodotto. Molto utile è la visualizzazione del calendario aggiornato della raccolta domiciliare che notifica la raccolta del giorno dopo.

«Dall’analisi dei dati sull’utilizzo del software emerge che i prodotti più ricercati sono il dentifricio, gli imballaggi per cibo animale, i prodotti da bagno e le confezioni di biscotti. Tra i materiali più ricercati ci sono invce, la plastica film polipropilene PP5, carta e cartone non ondulato PAP21 e la plastica polietilene ad alta densità HDPE- riferisce l’assessore ai Rifiuti Costantino Renato-. L’applicazione sarà sicuramente usata nelle attività di educazione ambientale effettuate nelle scuole in quanto essendo “friendly”, rapida ed intuitiva si presta molto al gioco formativo».