Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Anconitana, Palladini: «Difficile parlare di date. Coppa Italia? Non l’avrei annullata»

Il centrocampista biancorosso ha commentato le ultime decisioni della Lega nazionale dilettanti fotografando anche il momento attuale caratterizzato dall'incertezza di una ripartenza

Alessio Palladini
Alessio Palladini in azione contro la Vigor Senigallia

ANCONA – Gli allenamenti individuali da svolgere ognuno presso la propria abitazione, l’annullamento della Coppa Italia d’Eccellenza e degli spareggi nazionali, l’incertezza sulla ripartenza dei campionati regionali. Il centrocampista dell’Anconitana Alessio Palladini (’99) ha toccato tutti questi temi fotografando il proprio stato d’animo attuale: «Non è un momento facile e mentalmente risulta particolare viverlo. Più passa il tempo e più manca il campo, è veramente dura andare avanti così ma cerchiamo di non pensarci. Dal nostro punto di vista lavoriamo a casa con impegno cercando di rispettare il programma che ci ha lasciato lo staff tecnico prima della sospensione».

Assodando che i recuperi di dicembre verranno rinviati, con l’Anconitana che sarebbe dovuta scendere in campo il 20/12 con la Sangiustese, anche la ripresa del 10 gennaio non sembra affatto così scontata per via della pandemia: «Difficile parlare di date, la speranza è ripartire il prima possibile perchè vorrebbe dire che la situazione generale è più tranquilla. Credo che la priorità sia quella di tornare in campo in sicurezza onde evitare un eventuale nuovo stop che sarebbe deleterio. Il modello Veneto con solo andata e previsione di playoff e playout? Non mi convince, il format deve rimanere quello tradizionale con andata e ritorno».

Sull’annullamento della Coppa Italia e degli spareggi nazionali valevoli per la D Palladini non usa mezzi termini: «Se il campionato viene fatto continuare perchè hanno dovuto annullare la Coppa? Non ne trovo il motivo. Questa competizione aiuta a trovare la condizione giusta, avrei agito diversamente. Con i compagni ci sentiamo quotidianamente, Whatsapp e Instagram aiutano molto in questo senso».