Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Bypass ferroviario e barriere, Signorini scrive di nuovo a Toninelli: «Attendiamo una risposta»

La Giunta rilancia la richiesta di un arretramento complessivo della ferrovia. Nel frattempo il sindaco di Falconara ha inviato quattro lettere al ministro per sollecitare un incontro

Stazione di Falconara Marittima

FALCONARA MARITTIMA – La Giunta comunale di Falconara rilancia la necessità di un arretramento complessivo della ferrovia per offrire maggiori occasioni di sviluppo al litorale falconarese, una necessità resa ancora più evidente dal dibattito che si è aperto a livello regionale sulla questione delle barriere fonoassorbenti di Rfi. Il sindaco Stefania Signorini, dopo le richieste dell’ottobre scorso, ha scritto di nuovo al ministro alle Infrastrutture e ai Trasporti Danilo Toninelli per sollecitare un incontro sulla questione del bypass, che si è chiesto di sospendere. «Come nel caso delle barriere anti-rumore, – scrive in una nota il Comune – anche per il bypass dal ministro Toninelli non è arrivata alcuna risposta».

Il sindaco Stefania Signorini a dicembre aveva invitato Toninelli a Falconara, con una lettera formale, in modo che si potesse «rendere conto dell’impatto devastante che le barriere per il risanamento acustico potrebbero avere sulla città». Al ministro Toninelli era stato fatto presente che il muro che si verrebbe a creare lungo la Flaminia, la strada più trafficata, «incrementerebbe l’inquinamento ambientale perché impedirebbe il ricircolo dell’aria e quello acustico perché amplificherebbe il rumore dei veicoli in transito». Inoltre il comune di Falconara aveva invitato il Ministro a partecipare al consiglio comunale aperto sulle barriere antirumore di Rfi che si è svolto venerdì 15 febbraio nella sala consiliare del Castello di Falconara Alta.

Stefania Signorini, sindaco di Falconara Marittima

«Resta la contrarietà al bypass ferroviario così come è stato progettato – afferma il sindaco di Falconara – un’opera che può essere accettata solo se rappresentasse il primo stralcio di un arretramento più ampio dei binari. Anche l’assessore Clemente Rossi è sulla stessa linea: si è sempre espresso a favore dell’arretramento sin dal 2008, quando in qualità di capogruppo di maggioranza della prima Giunta Brandoni, durante il Consiglio comunale aperto sul bypass, aveva affermato che tale opera deve essere il primo passo di un arretramento complessivo. Da allora ha sempre sostenuto coerentemente questa tesi, anche quando le mozioni a favore dell’arretramento sono arrivate dalla minoranza. Ribadiamo l’esigenza di un incontro con il ministro Toninelli per entrambe le problematiche che condizionerebbero tanto pesantemente la vivibilità della nostra città».

Valentina Barchiesi

«Abbiamo di nuovo deciso di rivolgerci direttamente al ministro – aggiunge l’assessore ai Lavori pubblici Valentina Barchiesi – affinché vengano seriamente prese in considerazione le istanze del territorio. In ogni sede istituzionale abbiamo espresso la nostra contrarietà per il forte impatto che quest’opera avrà sul tessuto socio-economico e sulla matrice ambientale, un’opera che così come concepita non porterà alcun beneficio alla collettività».