Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Biagio corsara, Camerano sconfitto in casa

Il derby tra i gialloblu e Chiaravalle in Eccellenza se lo aggiudicano gli ospiti, che sfruttano una partenza razzo. In goal il giovane Giulietti. Una gara dai tanti volti, caratterizzata da diversi episodi chiave

Le squadre all'ingresso in campo con il saluto dei capitani

CAMERANO – Un Chiaravalle cinico, autoritario e fortunato sbanca il campo del Camerano Calcio, imponendosi 1-3 ai danni dei padroni di casa. Una gara dai tanti volti, caratterizzata da diversi episodi chiave meglio sfruttati dai rossoblu.

Montenovo vuole dare continuità dopo il pareggio di Grottammare, decidendo di affidarsi all’estro di Bondi e Donzelli. Sponda Biagio, mister Malavenda, vuole subito far capire le intenzioni di vittoria lasciando liberi di agire Sampaolesi e Giampieri dietro la coppia d’attacco Pieralisi-Alessandroni.

La partenza ospite è fulminante. Passano solo centoventi secondi sul cronometro che Verdicchio è chiamato al miracolo su conclusione di Giampieri. L’estremo cameranese nulla può, appena due minuti dopo, quando Alessandroni lo infila in uscita, facendo schizzare in piedi tutta la sua panchina. Il Camerano è scosso, ma riesce ad organizzare la controffensiva. Bondi e soci crescono con il passare dei minuti ma al ventunesimo c’è un episodio chiave. Il giovane Parasecoli va giù in area gialloblu, il contatto non appare evidente ma per il Sig. Moretti è calcio di rigore. Dal dischetto Rossini è glaciale, siglando lo 0-2. Il doppio svantaggio frena gli entusiasmi dei ragazzi di Montenovo, che si vedono fischiare contro anche un altro penalty. Questa volta non ci sono proteste e lo stesso Rossini può spiazzare Verdicchio. 0-3 con le squadre che fanno rientro negli spogliatoi.

Chi si aspettava una cavalcata trionfale del Chiaravalle fino al novantesimo deve essere rimasto deluso. Nella seconda frazione sono i padroni di casa a tirare fuori tutto il loro orgoglio. All’undicesimo arriva l’1-3 e porta la firma del giovane classe 2000 Luca Giulietti. L’esterno offensivo, prelevato dal settore giovanile dell’Ancona, trafigge con un sinistro chirurgico Lombardi e dimezza il passivo. Il Camerano spinge sull’acceleratore, Montenovo decide di giocarsi le carte Mattia Santoni e Federico Polenta, con quest’ultimo al rientro dopo tredici mesi di stop. La retroguardia rossoblu, guidata dal solito Giovagnoli, regge l’urto riuscendo a portarsi a casa l’intera posta in palio.

Uno stop che relega i padroni di casa al quintultimo posto, tuttavia ancora con un buon margine rispetto alla zona playout. Nel prossimo turno altro incontro delicatissimo, questa volta in trasferta sul campo del Tolentino. Per la Biagio Nazzaro Chiaravalle una vittoria importante che certifica il grande valore del team guidato da Giammarco Malavenda.

 

Sala Stampa

Luca Montenovo (All. Camerano): «Abbiamo pagato il primo tempo, anzi i primi quindici minuti. Il Chiaravalle è partito benissimo, difficilmente li avevo visti così in palla. Dopo aver subito lo 0-1 c’eravamo riorganizzati, poi quel rigore che ha visto solo il direttore di gara ha compromesso tutto. Sono contento della reazione avuta nel secondo tempo, dove ho rivisto una squadra vogliosa che vende cara la pelle. Stiamo recuperando tutti gli infortuni, da Polenta che rientra dopo un anno, a Bondi, ai fratelli Santoni fino ad arrivare a Donzelli. Il grande rimpianto è di non averli potuti avere fino ad oggi a pieno regime. Lotteremo fino alla conclusione, siamo un bel gruppo».

 

CAMERANO: Verdicchio, Angelici, E. Santoni, Mi. Santoni (88’ T. Polenta), Tombesi, Polzonetti, Giulietti, Principi (68’ Ma. Santoni), Donzelli, Bondi, Defendi (54’ F. Polenta). All. Montenovo

BIAGIO NAZZARO: Lombardi, Medici, Domenichetti (83’ Carnevali), Focante, Giovagnoli, Parasecoli, Sampaolesi, Rossini, Pieralisi, Giampieri (’76 Cecchetti), Alessandroni (58’ Negozi). All. Malavenda

 

Arbitro: Sig. Moretti di San Benedetto del Tronto

Assistenti: Sig. Gasparri di Pesaro e Sig. Tonti di Ancona

Reti: 4’ Alessandroni, 21’ Rossini (rig.), 27′ Rossini (rig.), 56′ Giulietti.