Berardinelli: «L’amministrazione non ha fatto niente per impedire l’addio di Alitalia al Sanzio»

La discussione sulla cancellazione del volo Ancona-Roma approda in Consiglio comunale. A chiedere risposte riguardo la delicata questione, il capogruppo di Forza Italia con un'interrogazione urgente rivolta all'assessore ai Trasporti, Ida Simonella

L'aeroporto delle Marche

ANCONA- Addio di Alitalia al Sanzio, la discussione accende il Consiglio comunale. A chiedere risposte riguardo la delicata questione, il capogruppo di Forza Italia Daniele Berardinelli con un’interrogazione urgente rivolta all’assessore ai Trasporti, Ida Simonella.

Ida Simonella, assessore al Porto, Attività produttive, Piano Strategico, Relazioni Internazionali, Trasporti, Conerobus (Foto: Comune di Ancona)

«La cancellazione del volo Ancona-Roma desta preoccupazione non solo per il capoluogo ma per tutta la regione e si aggiunge al problema dei collegamenti con la Capitale- riferisce la Simonella-. Ci siamo informati con Aerdorica, che gestisce l’aeroporto, e con la Regione Marche per capire come stanno le cose. Alitalia ha deciso di cancellare alcuni voli dagli aeroporti minori. La società si è attivata per trovare compagnie che sostituiscano Alitalia per il collegamento Ancona-Roma, il cui ultimo volo dovrebbe essere il 30 novembre. Il problema è serio anche per le ripercussioni sugli introiti che la soppressione del volo crea. Cerchiamo di capire come evolve la situazione poi faremo azioni necessarie».

Daniele Berardinelli

«Dalla sua risposta dove ammette di non essere certa sulla data dell’ultimo volo Ancona-Roma si capisce l’assoluto disinteresse per la vicenda che creerà problemi agli anconetani e alla nostra economia. Il governo centrale ha fatto finanziamenti extra per aiutare la compagnia di bandiera e non si è pensato a proteggere Ancona che lei ha definito aeroporto minore. Questo è l’unico aeroporto della regione, fondamentale per le piccole e medie imprese del territorio. Dovevate dire che era un’infrastruttura strategica per l’Italia – insorge Berardinelli-. Chi ci rimette è Ancona che non è stata difesa dal sindaco e dai suoi assessori. Non c’è stata nessuna protesta. D’altronde è la stessa Giunta Mancinelli che mesi fa decise di mettere in vendita le quote di proprietà dell’aeroporto anziché chiedere una gestione oculata che ripianasse i debiti milionari».