Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Bambina abusata: saranno analizzati i vestiti, l’indagato nega

La difesa del 60enne, accusato di violenza sessuale su una minorenne, chiede l’incidente probatorio per vedere se sui tessuti c’è il dna dell’accusato. «Per ogni valutazione attenderemo gli esiti»

tribunale di Ancona
Tribunale di Ancona

ANCONA – Respinge le accuse e ha già nominato un avvocato per farsi difendere il 60enne accusato di violenza sessuale su una bambina di 5 anni. «Verrà formulata istanza di incidente probatorio – annuncia il legale Ruggero Benvenuto – e per ogni valutazione attenderemo gli esiti». La  richiesta sarà depositata oggi e riguarda l’esame dei vestiti indossati quel giorno dalla bambina. Si cercherà il dna del principale accusato che, dal giorno della notifica  dell’accertamento tecnico non ripetibile (arrivata il 3 giugno) chiesto dalla Procura, è sconvolto per le accuse che gli sono state mosse. Il pm aveva nominato il medico legale Loredana Buscemi e venerdì scorso doveva iniziare l’esame sui tessuti dei vestiti sequestrati, 4/5 capi, ma l’accertamento è slittato al 16 giugno.

L’avvocato Ruggero Benvenuto
L’avvocato Ruggero Benvenuto

Per la difesa è meglio l’incidente probatorio eseguito da un genetista, con il contraddittorio tra le parti e valevole come prova da portare eventualmente a processo. Intanto sui fatti si fa ulteriore chiarezza. Sarebbero successi il 28 maggio scorso, in una cittadina dell’hinterland anconetano. Lui tunisino, la bimba romena. Il 60enne ha preso in auto madre e figlia, prima ha lasciato la donna al lavoro poi ha accompagnato la piccola dal padre. Un breve tragitto durante il quale, una volta rimasto solo con la minore, si sarebbe appartato per spogliarla e toccarla nelle parti intime. La bimba sarebbe stata poi minacciata affinché non raccontasse nulla casa. Ma una volta tornata dalla mamma si è confidata con lei e la donna ha sporto denuncia alla polizia.

Il 60enne ha un precedente, avrebbe toccato il fondoschiena ad una ragazza in discoteca e per quello sarebbe già finito nei guai con la giustizia, anni fa.