Auto ignorano i divieti e accedono al Parco del Cardeto, Marasca: «Abbiamo diffidato i gestori»

Il consigliere dei Verdi Michele Polenta porta all’attenzione del consiglio comunale dorico la problematica con un’interrogazione urgente

Parco del Cardeto
Parco del Cardeto

ANCONA- Dopo anni il Parco del Cardeto torna finalmente ad essere frequentato. Il punto di ristoro vicino al vecchio faro, gestito dall’associazione Nie Wiem, richiama molti cittadini. In tanti però, incuranti dei divieti, accedono con le auto nell’area del Parco. Piovono segnalazioni e il consigliere dei Verdi Michele Polenta porta all’attenzione del Consiglio comunale la problematica con un’interrogazione urgente.

«Ci sono solo quattro permessi rilasciati dalla Polizia Municipale per il carico e scarico. Al Parco è vietato qualunque accesso alle auto- dichiara l’assessore Paolo Marasca-. Abbiamo preso atto delle segnalazioni fatte e abbiamo diffidato gli organizzatori a fare il possibile, a controllare che i fruitori non entrino con l’auto nel parco. Tra l’altro, sono stati proprio loro a schierarsi contro un uso delle attività private al Cardeto».

Michele Polenta, consigliere Verdi

«Credo che i controlli possano essere effettuati anche dalla Polizia Municipale. Le multe potrebbero scoraggiare questo comportamento- replica Polenta-. Vogliamo un parco vivo, dobbiamo capire come poter organizzare una mobilità sostenibile al suo interno. Capire come dare fruizione ad un parco che gli anconetani dopo anni vogliono tornare a frequentare».