Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

C’era una volta al Trave… l’ex Pesca Fattorini sarà demolita entro il 31 gennaio 2020

È quanto prevede l’ordinanza della Capitaneria di Porto firmata il 30 ottobre dopo aver ricevuto il nulla osta da Ente Parco del Conero e Comune di Ancona. La palafitta consumata dal mare, troppo pericolosa e a rischio crollo, non può essere ristrutturata a causa di una norma del piano regolatore

Spiaggia di Mezzavalle

ANCONA- L’ex Pesca Fattorini al Trave sarà demolita. Il casotto, costruito intorno agli anni ’50 e diventato uno dei simboli della costa del Conero, dovrà essere abbattuto entro il 31 gennaio del 2020. È quanto prevede l’ordinanza della Capitaneria di Porto firmata dal Comandante Enrico Moretti il 30 ottobre. La palafitta in cemento armato di circa 70 metri quadrati lordi era stata costruita sullo scoglio del Trave dall’anconetano Raffaele Fattorini come postazione da pesca fissa e allevamento dei moscioli. Le mareggiate però distrussero il casotto che venne acquistato dall’imprenditore Virgili negli anni ’80 con l’intento di sistemarlo e realizzare un allevamento di balleri.

L’ex pesca però, in base ad una norma del piano regolatore del Parco del Conero, non può essere ristrutturata e la sola manutenzione ordinaria non sarebbe sufficiente a riqualificare la palafitta consumata dal mare. Considerata la pericolosità del manufatto a rischio crollo, accertata ad ottobre 2018 dal sopralluogo dalla Guardia di Finanza sezione navale di Ancona e segnalata anche dall‘ordinanza sindacale del 12 febbraio 2019, l’unica soluzione possibile è la sua demolizione.

Nell’ordinanza della Capitaneria, firmata dopo aver ricevuto il nulla osta e la valutazione d’incidenza positiva dell’Ente Parco del Conero e l’autorizzazione alla demolizione da parte del Comune di Ancona, si legge che «i lavori non potranno essere procrastinati oltre il 31 Gennaio 2020, così come indicato dall’Ente Parco Regionale del Conero, e verranno eseguiti esclusivamente durante le ore diurne e mediante l’impiego di motopontoni».

È chiaro che dalla prossima estate, affacciandosi dal belvedere di Portonovo oppure ammirando la costa dal mare, il Trave avrà un nuovo aspetto.