Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Manutenzione strade, arrivano 36 milioni per le Marche

Obiettivo, ridurre l'incidentalità, contrastare i danni dovuti al dissesto idrogeologico sulla rete viaria. Il senatore Coltorti: «Stiamo mettendo mano a decenni di incuria»

Buca stradale

ANCONA – Il governo ha stanziato 36 milioni di euro per gli interventi di manutenzione urgenti sulle strade provinciali marchigiane. Obiettivo, ridurre l’incidentalità, contrastare i danni dovuti al dissesto idrogeologico sulla rete viaria e garantire il diritto alla mobilità in sicurezza, consentendo agli enti locali di mettere subito in campo una serie di interventi urgenti e di definire anche una programmazione di altri successivi.

Interventi di grande importanza per ripristinare una viabilità in sicurezza sulle strade spesso afflitte da buche, avvallamenti e problematiche legate all’illuminazione e alla segnaletica. «Lo scorso anno abbiamo dato un primo finanziamento che ha permesso di iniziare la manutenzione di molte strade – spiega il senatore marchigiano Mauro Coltorti, presidente della Commissione Lavori pubblici – . Ora la manutenzione continua grazie ad un finanziamento quinquennale. Sarà possibile intervenire anche per la prevenzione del rischio idrogeologico che è associato alla ubicazione non corretta delle canalette di scolo delle strade. Molte persone non si rendono conto che una strada durante un evento piovoso eccezionale convoglia una quantità elevatissima di acqua in pochi punti che se sono ubicati in aree sensibili possono innescare frane che condurranno alla destabilizzazione della strada. Stiamo mettendo mano a decenni di incuria con in mente, oltre alla funzionalità della rete viaria, anche e soprattutto la salute dei cittadini».

«Sono anni che il Movimento 5 Stelle sostiene la necessità di dare priorità alla manutenzione delle strade esistenti perché abbiamo ereditato una situazione connotata da un ultra-decennale abbandono per quanto riguarda la gestione ordinaria del nostro patrimonio infrastrutturale – evidenzia la parlamentare marchigiana Patrizia Terzoni, vicepresidente della Commissione Ambiente della Camera – . Grazie a questo Governo, tra grandi difficoltà, si sta cercando di rimettere ordine e di dare continuità agli interventi di manutenzione, che è la vera grande opera che serve al Paese».

I 36 milioni di stanziamento sono state ripartite in 5 anni: alle Marche andranno 2,19 milioni di euro nel 2020, 4,02 milioni per il 2021 e 10,06 milioni per ognuno degli anni successivi 2022, 2023 e 2024.