Bomba day: tè e biscotti al PalaPrometeo. Circa 80 malati saranno trasportati dalla Croce Gialla

In queste ore con i volontari dell’Anpas si sta allestendo il palazzetto che domani accoglierà le persone evacuate. Ci saranno una cucina mobile che preparerà bevande calde e posti letto destinati a persone con problemi di salute

I volontari dell'Anpas e della Croce Gialla allestiscono il PalaPrometeo

ANCONA – Tre saranno i centri che domani, in occasione della rimozione dell’ordigno bellico rivenuto nella zona Archi/stazione, accoglieranno le persone evacuate: PalaPrometeo Estra, Palascherma e Palabrasili raggiungibili con i mezzi propri o di trasporto pubblico gratuito. Per accogliere i cittadini, in queste ore i volontari dell’Anpas e della Croce Gialla stanno allestendo il PalaPrometeo con panche di legno, bottiglie d’acqua, una cucina mobile e posti letto destinati a persone con problemi di salute.

Alfonso Sabatino, direttore Anpas Marche

«L’impegno è su più fronti – spiega Alfonso Sabatino, direttore Anpas Marche – innanzitutto domani daremo un’assistenza con generi di conforto. Abbiamo portato una delle nostre cucine mobili che preparerà tè caldo, latte, caffè e distribuiremo biscotti e acqua alle persone che verranno in questo centro di accoglienza (pranzo non compreso). Sette operatori di categorie fragili, appositamente formati, si dedicheranno al’intrattenimento per far trascorrere al meglio la giornata ai bambini e agli anziani». Ma quante persone accoglierà domani la struttura? «È un’incognita – spiega il direttore Anpas Marche – il numero preciso non lo sappiamo, anche perché i cittadini potranno venire liberamente anche con i propri mezzi. Il PalaPrometeo può comunque accogliere fino a 5mila persone».

Per quanto riguarda il servizio di assistenza sanitaria, Sabatino spiega che «al PalaPrometeo saranno in servizio due ambulanze, due squadre a piedi di soccorritori e un pulmino per disabili». Sempre all’interno del palazzetto, l’Asur ha allestito un punto di assistenza per pazienti con problemi di salute. Sono infatti già stati trasportati i letti (15), e in alcuni sono già stati affissi i nomi delle persone a cui sono destinati. «I letti sono stati posizionati in alcuni spogliatoi – spiega Sabatino – e ci saranno un medico e due infermieri che si occuperanno delle persone con problemi di salute».

Alberto Caporalini, presidente della Croce Gialla di Ancona

«La Croce Gialla si occuperà del trasporto delle persone allettate o con problemi di salute – spiega Alberto Caporalini, presidente della Croce Gialla di Ancona – dalla zona rossa saranno portate nelle varie strutture a disposizione o a casa di parenti e amici». In totale sono un centinaio le persone che hanno richiesto al Comune il trasporto e/o il ricovero nelle strutture. «Come Croce Gialla trasporteremo circa 80 persone – spiega Caporalini – quindi sono previsti 160 viaggi tra andata e ritorno. Alcune persone saranno trasportate al PalaPrometeo, altre nella residenza anziani Zaffiro, nella Casa Albergo Gerundini di Falconara, nelle residenze anziani comunali Benincasa e Villa Almagià, nelle residenze per disabili Papa Giovanni XXIII e Il Samaritano, all’Inrca di Osimo (20 posti all’Inrca). I trasporti inizieranno oggi pomeriggio e termineranno lunedì. Oggi pomeriggio saranno impegnati 14 volontari con 4 ambulanze e un pulmino per disabili. In più ci saranno altri 10 volontari e 5 ambulanze che effettueranno i servizi giornalieri come emergenze, ricoveri, dialisi. Domani effettueremo i restanti trasporti di andata prima delle 8, mentre nel pomeriggio, a fine evento, inizieremo quelli per il ritorno. Si avvicenderanno circa 50 volontari tra mattina e pomeriggio con 5 ambulanze e 2 pulmini per il bomba day. Per i servizi di istituto classici invece si avvicenderanno 25 volontari con 3 ambulanze. Lunedì mattina termineremo i viaggi per il ritorno nelle abitazioni delle persone evacuate e ci saranno 5 volontari e 2 ambulanze. Nel contempo circa 30 volontari si occuperanno dei servizi di istituto classici». La sede della Croce Gialla è all’interno della zona rossa e sarà quindi ospitata presso il Comando di Polizia Municipale. «Per quanto riguarda le chiamate, soprattutto domani, – spiega Caporalini – le persone che avranno bisogno di trasporti secondari normali (non riferiti al bomba day) potranno chiamarci oltre al solito numero 0715015, anche al 3293814717».

«Saranno 200 i dipendenti comunali impegnati nelle varie attività – spiega Antonio Ninivaggi, funzionario di Protezione Civile del comune di Ancona – compresi quelli della Polizia municipale e del magazzino. In più ci saranno 350 volontari tra Protezione civile e addetti al servizio sanitario, oltre a quelli che si occuperanno del trasporto di persone con criticità socio-sanitarie nelle varie strutture». Presso il CAPI della Regione Marche in via Passo Varano sono stati allestiti una tensostruttura e una seconda cucina mobile più grande dove saranno preparati i pasti per tutti volontari.