Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Vaccinazione, Saltamartini: «Nei prossimi giorni riforniremo le aziende. Poi via alle prenotazione da 16 a 39 anni»

L'assessore alla Sanità annuncia l'imminente partenza della vaccinazione per gli over 16 anni senza patologie e nei luoghi di lavoro. Secondo Polacco di Confcommercio, il numero dei lavoratori sarà esiguo visto che la campagna vaccinale è ormai avanti

Filippo Saltamartini

ANCONA – «Riforniremo le aziende che vorranno procedere alla copertura dei lavoratori, compresi quelli del settore delle imprese turistiche». Ad annunciare l’imminente partenza della campagna vaccinale nei luoghi di lavoro è l’assessore alla Sanità Filippo Saltamartini.

La Regione Marche nel mese di marzo aveva approvato un proprio protocollo d’intesa con le attività produttive e le associazioni di categoria per procedere all’immunizzazione dei lavoratori, ma vista la scarsità di vaccini in arrivo nella regione si era dovuto attendere prima di partire. A metà aprile erano arrivate le linee guida nazionali stilate da Inail, Ministero del Lavoro e della Salute, Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, insieme alla struttura commissariale per l’emergenza, che avevano definito i dettami dell’operazione.

Confcommercio e Confindustria hanno stretto una convenzione con il gruppo sanitario privato Kos Care per eseguire le inoculazioni sui dipendenti delle imprese, delle attività commerciali e gli operatori del turismo delle Marche. E ora, come annunciato dall’assessore Saltamartini, l’operazione è pronta a partire.

Massimiliano Polacco direttore generale Confcommercio Marche

«Abbiamo già messo in piedi la rete, stiamo ragionando di farla partire – afferma Massimiliano Polacco, direttore Confcommercio Marche Centrali – attendiamo di definire la contrattualistica dei rapporti. Questa mattina la Regione ci ha avvisato per informarci, ora ci stiamo attivando per vedere le possibilità visto che la vaccinazione è molto avanti. Valuteremo in poco tempo se le aziende hanno ancora bisogno della vaccinazione, visto che di persone rimanenti ancora da vaccinare ne sono rimaste poche». Per le fasce d’età 40-49 anni e 50-59 anni, quelle numericamente più rilevanti tra i lavoratori, hanno già prenotato nei punti vaccinali. ù

Resterebbero dunque da vaccinare i 20enni e i 30enni, ma «nei prossimi giorni – come annuncia l’assessore Saltamartini – verrà avviata la prenotazione da 16 a 39 anni» per cui la platea di lavoratori da immunizzare potrebbe essere esigua. Nei giorni scorsi la regione ha avviato lo slot di prenotazione per gli over 16 con patologie.