Ancona, giro di vite su droga e truffe agli anziani. Arrivano le telecamere nelle scuole

È quanto prevedono i due protocolli d'intesa siglati dal prefetto D'Acunto e dalla sindaca Mancinelli. Gli impianti di videosorveglianza installati in tre istituti scolastici: Marconi, Podesti Elia e Collodi. Ecco i dettagli

ANCONA – Telecamere nelle scuole e campagne informative per contrastare lo spaccio di droga e le truffe agli anziani. È quanto prevedono i due protocolli d’intesa siglati oggi (30 luglio) a Palazzo del Governo dal Prefetto di Ancona, Antonio D’Acunto e dal sindaco di Ancona, Valeria Mancinelli.

«Due obiettivi concreti con soldi e finanziamenti già attivati – ha commentato la sindaca di Ancona, Valeria Mancinelli – La sicurezza praticata e non predicata».

Il Prefetto D’Acunto ha evidenziato la valenza delle iniziative che testimoniano un impegno delle Istituzioni nella tutela delle categorie più vulnerabili dei minori e degli anziani.

Il protocollo “Prevenzione e contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti nei pressi degli Istituti scolastici – Scuole Sicure 2019-2020”, approvato dalla Prefettura di Ancona il 26 giugno scorso, è finanziato dal Ministero dell’Interno con 44mila euro. Quarantamila verranno impiegati per la realizzazione degli impianti di videosorveglianza a contrasto dello spaccio di droga nelle scuole; quattromila euro invece destinati alle campagne informative nelle scuole dove saranno coinvolti agenti della Polizia locale sui temi delle dipendenze da stupefacenti (per l’anno scolastico 2019-2020).

Le telecamere che andranno ad integrare il sistema di videosorveglianza del Comune di Ancona, saranno installate nei pressi di tre istituti scolastici: Marconi, Podesti Elia e Collodi.

Il prefetto di Ancona, Antonio D’Acunto e la sindaca Valeria Mancinelli

Il secondo protocollo siglato, “Prevenzione e contrasto delle truffe agli anziani “, è stato finanziato dal Ministero dell’Interno con un contributo di 38.240 euro e si concluderà il 30 giugno 2020. L’iniziativa, denominata “L’apparenza inganna“, prevede una campagna di informazione diffusa ad opera degli agenti della Polizia locale di Ancona e degli assistenti sociali nei centri di socializzazione degli anziani, oltre a misure di prossimità e interventi di supporto: 80 gli incontri previsti nell’arco degli otto mesi di campagna, supportata da 15mila brochure.

Una campagna informativa che sarà condotta in stretta collaborazione con gli assessorati ai Servizi Sociali e alla Sicurezza e Partecipazione Democratica e che punta a favorire l’inclusione sociale degli anziani, in modo da combattere le truffe di cui spesso restano vittime.

Foto di repertorio

A lanciare l’iniziativa sarà un convegno con la partecipazione di esperti che interverranno sul tema e daranno consigli utili per evitare di cadere nelle truffe. Successivamente partirà prima la campagna di sensibilizzazione e prevenzione attraverso i “media” e poi la formazione diretta agli anziani con la distribuzione di materiale informativo contenente le indicazioni utili da seguire in caso di necessità.

Al progetto prenderà parte anche il presidio della Polizia locale del Piano, che fornirà sostegno, informazione e si occuperà della raccolta delle denunce.