Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Ancona, porto e stazione marittima sotto la lente della questura

I poliziotti della Questura di Ancona hanno passato al setaccio le aree più critiche della città dando seguito a provvedimenti di espulsione verso cittadini extracomunitari

Il porto di Ancona

ANCONA – Controlli serrati della Questura di Ancona nell’ambito dell’immigrazione. Un cittadino rumeno di 37 anni, irregolare sul territorio nazionale è stato accompagnato nella giornata di ieri dal personale della Questura di Ancona presso il centro per il rimpatrio di Bari.

L’uomo è risultato essere gravato da un ordine di allontanamento per motivi di sicurezza e con precedenti per lesioni aggravate, estorsione, sfruttamento della prostituzione, detenzione illegale di armi, evasione e furto aggravato.

Lo straniero, appena scarcerato, è stato prelevato dal personale della Polizia di Stato e dopo essere stato messo a disposizione dell’Ufficio Immigrazione è stato accompagnato presso il centro in attesa di rimpatrio.

L’ufficio Immigrazione ha proceduto poi ad eseguire il provvedimento di espulsione del 3 gennaio applicando l’obbligo di firma con il trattenimento del passaporto in attesa di rimpatrio, ad una cittadina dominicana di 40 anni che è risultata irregolare sul territorio nazionale.

Inoltre, nell’ambito di servizi di intensificazione del controllo del territorio, disposti dal Questore di Ancona, in raccordo con la Prefettura di Ancona i poliziotti hanno proceduto ad eseguire controlli capillari presso il porto e l’area dell’ex Stazione Marittima spesso utilizzata come dormitorio a cielo aperto da cittadini stranieri.

Negli ultimi giorni del 2021 gli agenti hanno identificato 4 soggetti extracomunitari, tutti regolari sul territorio nazionale. Si tratta di un cittadino gambiano, di un cittadino somalo, di un cittadino del Niger e di un cittadino marocchino.

Due dei controllati sarebbero risultati avere un domicilio in provincia di Ancona (in corso verifiche): il cittadino gambiano risulta essere uscito da un progetto di accoglienza, mentre il cittadino marocchino è domiciliato in provincia di Macerata.

Nei confronti di quest’ultimo, gravato da precedenti per furto, violenza a pubblico ufficiale, danneggiamento, invasione di edifici e per violazioni relative al testo unico sugli stupefacenti, il Questore di Ancona ha emesso foglio di via dal comune di Ancona.

Nel corso dei controlli svolti ad inizio 2022 anche in orario notturno, non è stata rilevata la presenza di persone che stazionavano presso la Stazione Marittima.