Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

PalaPrometeo a pieno regime. Comune e Regione soddisfatti VIDEO

Il nuovo centro vaccinale lungo la strada provinciale Cameranense è partito con 1.200 somministrazioni al giorno. In visita la sindaca di Ancona Valeria Mancinelli e l'assessore regionale Stefano Aguzzi

Aguzzi, Guidi, Mancinelli e Foresi nel nuovo punto vaccinale al PalaPrometeo

ANCONA – «Trasferimento complesso ma ben riuscito». Così la sindaca di Ancona Valeria Mancinelli in visita al nuovo centro vaccinale allestito al PalaPrometeo di Ancona dopo la chiusura, avvenuta venrdì sera, dell’impianto sportivo Paolinelli che per 100 giorni è stato sede della campagna vaccinale per il capoluogo e 11 comuni dell’hinterland. La strutturlungo la strada provinciale Cameranense da oggi – 22 maggio – è entrata in attività a pieno regime con 1.200 appuntamenti al giorno.

«I riscontri avuti dai cittadini sono positivi, la struttura sta funzionando bene, è una buona notizia» fa notare la sindaca di Ancona nel sottolineare l’ottimo lavoro svolto in squadra dalla Protezione Civile, il mondo del volontariato, Asur e dall’amministrazione comunale di Ancona.

Marcolini, Mancinelli e Cimini

Il trasferimento della sede vaccinale si era reso necessario per l’apertura contemporanea della vaccinazione di più fasce della popolazione. «È una soluzione importante per questa fase di accelerazione rispetto al piano vaccinale» ha sottolineato Valeria Mancinelli, che sollecitata sulla gestione futura del punto vaccinale, ha spiegato «intanto gestiamo bene questa fase poi valuteremo».

La sindaca fa notare che la vaccinazione contro il covid diventerà periodica per cui bisognerà pensare ad avere strutture adibite a questo tipo di attività. Questa mattina in visita al centro vaccinale c’erano anche l’assessore regionale alla Protezione Civile Stefano Aguzzi, insieme al capo della Protezione Civile regionale David Piccinini.

L’assessore regionale al Lavoro e Protezione Civile Stefano Aguzzi

L’assessore Aguzzi ha definito la struttura parlando di «funzionalità ottima», grazie alle 12 linee vaccinali e all’organizzazione puntuale. «Una sede molto idonea – ha affermato – dove visibilmente tutto procede in maniera scorrevole e ben organizzato». «È il perfetto rodaggio – afferma – di una macchina regionale complessiva che sta dando le risposte che ci stanno portando sempre più nettamente ad uscire da questa situazione». L’assessore ha sottolineato il ruolo fondamentale svolto dai sanitari, ma anche dal mondo della Protezione Civile e del volontariato, oltre alla disponibilità della società che gestisce il PalaPrometeo che ha sospeso le attività programmate per consentire di installare il punto vaccinale.