Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Ancona, operazione “strade sicure”: 2 persone denunciate nel fine settimana

Sono state 23 le persone sanzionate dai carabinieri per infrazioni al Codice della strada. Tra i reati, la guida con il cellulare, il non utilizzo delle cinture di sicurezza, la velocità non adeguata nel centro abitato

carabinieri

ANCONA – Due persone denunciate nell’operazione “strade sicure” messa un campo dai carabinieri di Ancona sul territorio dorico. Sono 23 le persone sanzionate per infrazioni al Codice della strada. Tra i reati la guida con il cellulare, il non utilizzo delle cinture di sicurezza, la velocità non adeguata nel centro abitato.

In via Isonzo, sabato sera (18 gennaio) i militari del Norm hanno notato zigzagare un’autovettura Alfa 156 alla quale è stato intimato l’alt. Ma ai militari è apparso subito chiaro che il giovane conducente aveva alzato troppo il gomito. È stato sottoposto al test ed è risultato avere un tasso alcolemico superiore a quello consentito (pari a 1.16 g/l). Per questa ragione l’autovettura è stata affidata al padre e la patente di guida del 23enne è stata ritirata.

Ieri pomeriggio (domenica 19), in via Flaminia, i carabinieri del Norm hanno sanzionato un 46enne residente a Monte San Vito (AN) che, pur non essendo alla guida, aveva alzato troppo il gomito e stava disturbando la quiete pubblica all’interno di un bar di Falconara Marittima.

L’attività straordinaria di controllo del territorio ha consentito di identificare inoltre 243 persone, controllare 178 veicoli, 7 locali pubblici e 17 persone sottoposte agli arresti domiciliari.

Sabati in tarda serata, nell’ambito dei controlli effettuati nei confronti dei soggetti sottoposti a restrizioni domiciliari, personale della Sezione Radiomobile del Norm si è recato nell’abitazione di un pakistano 28enne nel quartiere Tavernelle. Il giovane sottoposto alla misura coercitiva dell’obbligo di dimora nel comune di Ancona aveva il divieto di allontanarsi dall’abitazione, dalle ore 21 alle ore 07 del giorno successivo. Ma lui era a cena con degli amici nei pressi di Piazza Roma. Per questo motivo è stato deferito alla Procura della Repubblica di Ancona.