Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Ancona, nuove corse sui bus urbani. Simonella: «Teniamo sotto controllo anche il 46»

Da lunedì 19 ottobre, previste tre corse in più al mattino per l'1/4 e sei per la linea 2 (tre al mattino e tre a pranzo)

Autobus, trasporto scolastico, trasporto pubblico locale

ANCONA – Nuove corse sui bus urbani: tre al mattino presto per l’1/4 e sei per la linea 2 (tre al mattino e tre a pranzo). Queste nuove corse che saranno in vigore da lunedì 19 ottobre si aggiungono alle 31 già attivate in più all’inizio dell’anno scolastico.

«Abbiamo chiesto all’azienda di monitorare le linee più critiche, negli orari di punta, – spiega Ida Simonella, assessore con deleghe al Bilancio e ai Trasporti – anche sulla base delle segnalazioni ricevute. Nelle situazioni più difficili comunque gli autobus non superano un riempimento del 65% – 70% della capienza (è il rapporto tra le persone effettive sul bus e quelle possibili da massima capacità). Ricordo che l’80% è il limite consentito dalla legge, che oggettivamente corrisponde ad un autobus praticamente pieno».

Ida Simonella, assessore al Porto, Attività produttive, Piano Strategico, Relazioni Internazionali, Trasporti, Conerobus (Foto: Comune di Ancona)
Ida Simonella

L’assessore assicura che «teniamo sotto controllo anche il 46. Al mattino la situazione è buona, le corse sono ogni 5 minuti. Al pomeriggio probabilmente occorrerà integrare. La situazione è molto difficile ed è importante la massima collaborazione di tutti nel tenere comportamenti corretti. Ai ragazzi in particolare chiediamo di indossare sempre la mascherina». «Sulle situazioni più critiche che comunque erano ben monitorate, anche ascoltando le segnalazioni arrivate, abbiamo deciso con l’assessore Simonella di intervenire subito», assicura il sindaco Valeria Mancinelli.

Confermate anche le 31 corse aggiuntive per le linee che interessano le scuole, almeno fino a dicembre. Inoltre sarà estesa per altri due mesi la presenza di steward a bordo o nelle fermate. Per implementare il trasporto pubblico, l’Amministrazione ha messo a bilancio altri 40mila euro, «ma è utile e va fatto. Un trasporto pubblico sicuro è una necessità assoluta per le famiglie in questo periodo», dichiara la Simonella.