Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Ancona, multe salatissime per tre sale giochi non in regola e un locale abusivo

Controlli serrati da parte della squadra amministrativa di sicurezza della questura di Ancona. Sanzioni superiori a 20 mila euro complessivi

slot machines, sala slot, gioco d'azzardo, scommesse, ludopatia

ANCONA – Sale scommesse non in regola, sanzioni pesanti. E persino un locale abusivo. La squadra amministrativa di sicurezza della questura di Ancona, nell’ambito di servizi coordinati di controllo per la prevenzione e repressione del gioco illegale, fortemente voluti dal Questore Pallini, ha effettuato, unitamente a personale dei Monopoli di Stato, una serie di controlli presso diverse sale giochi ubicate in città ed in provincia, nonché presso pubblici esercizi.

In particolare, durante gli accertamenti effettuati in tre sale giochi, sono state rilevate  le seguenti irregolarità. In una sala scommesse del Piano di Ancona, gli agenti hanno constatato la presenza di numerosi avventori tra i quali un minorenne, di 17 anni. Hanno quindi redatto sanzione amministrativa per un importo pari ad € 6.666,67. La legge prevede la chiusura dell’esercizio da 10 a 30 giorni. Inoltre, presso altre due sale giochi/Bingo, è stata contestata ai titolari la sanzione amministrativa pari ad € 4.000 ai sensi della Legge regionale Marche n. 3 del 2017, per aver violato l’obbligo di chiudere le sale slot alle ore 24.

Nei giorni scorsi, inoltre, la squadra amministrativa della questura, dopo aver accertato che in un locale era stata organizzata una festa in orario notturno, ha svolto accertamenti constatando che lo stesso, ubicato al porto di Ancona, risultava essere abusivo. Infatti il medesimo esercizio aveva l’autorizzazione alla somministrazione di alimenti e bevande sino al 30 settembre, mentre la festa/spettacolo si era tenuta in data 3 ottobre 2020. Per tale violazione è stata contestata al titolare la sanzione amministrativa pari ad € 5.000,00, come previsto dagli artt. 63 e 69 della Legge regionale Marche n. 27. Inoltre è stata contestata al titolare la violazione dell’art. 666 codice penale, norma depenalizzata, per aver organizzato una serata di intrattenimento, pubblicizzato su Facebook, con la presenza di D.J. e musica da alto volume, senza autorizzazione. Sono in corso ulteriori accertamenti per verificare la regolarità della struttura.

Infine, sanzionato un esercizio commerciale in prossimità della stazione per aver abusivamente trasformato l’esercizio in un ristorante con somministrazione di alimenti e bevande.