Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Maturità al via, oggi la prova di italiano. Gli studenti del Galilei di Ancona: «Tante le emozioni» – VIDEO

Sono 13.710 le ragazze e i ragazzi marchigiani che devono sostenere la prova. Tanta l'emozione all'ingresso del liceo Galilei di Ancona

Studenti del Galileo Galilei di Ancona

ANCONA – «In bocca al lupo ai nostri studenti marchigiani! Oggi affrontano un importante traguardo per la loro formazione, un momento che ricorderanno per sempre. A loro va il mio augurio di trascorrerlo con serenità». Sono le parole del presidente della Regione Francesco Acquaroli, affidate ad un post sulla sua pagina Facebook poco prima dell’avvio della prima prova dell’esame di Maturità.

Questa mattina, 22 giugno, era palpabile l’emozione degli studenti che entravano alla spicciolata al liceo Galileo Galilei di Ancona, per la prima delle due prove scritte dell’esame che nelle Marche interessa 13.710 studenti. L’avvio della maturità alle 8.30 con le sette tracce della prova scritta di italiano (analisi e interpretazione del testo letterario, analisi e produzione di un testo argomentativo, riflessione critica di carattere espositivo-argomentativo su tematiche di attualità).

Il video con gli studenti del Galilei di Ancona

I ragazzi hanno sei ore per terminare lo scritto, domani invece sarà la volta della prova di indirizzo che sembra impensierire di più i maturandi, rispetto allo scritto di italiano. Fra le sette tracce proposte ai ragazzi, ci sono Pascoli e Verga, ma anche i temi ambientali con il discorso del premio Nobel Parisi.

In diversi gli studenti che si sono presentati ai cancelli del liceo anconetano con la mascherina in mano (sia chirurgica che Ffp2) nonostante sia caduto l’obbligo di indossare la protezione delle vie aeree che quest’anno è solamente raccomandata, specie nell’impossibilità di garantire il distanziamento interpersonale di almeno un metro.

L’ingresso prima dell’avvio dello scritto di italiano

«I ragazzi erano emozionati e trepidanti, ma anche determinati a fare bene – spiega il presidente dei presidi marchigiani Riccardo Rossini (Anp)- . Un esame che segna il ritorno alla normalità e questo è bello. L’uso delle mascherine è stato limitato ad un numero marginale di studenti, più per precauzione. Lo spauracchio? La prova di indirizzo che s terrà domani».

Il 23 giugno infatti gli studenti del liceo scientifico dovranno affrontare lo scritto di matematica, notoriamente un osso duro, quelli del classico saranno alle prese con greco e latino, mentre gli studenti del linguistico con la prova di lingue.