Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

La Mancinelli parla ai giovani: «Nuove misure, sanzioni per chi non rispetta le regole»

Il primo cittadino rimprovera chi nel weekend ha riempito piazza del Papa: «Inutile chiudere le scuole se poi vi accalcate come le sardine»

Valeria Mancinelli, sindaco di Ancona

ANCONA – Si chiudono i centri diurni, anche quelli per disabili, oltre a palestre e piscine comunali e impianti sportivi. Presto servizi a domicilio per le persone più fragili, come la consegna di farmaci e della spesa, mentre sono stati già posizionati dei pannelli protettivi negli uffici comunali aperti al pubblico. Sono le nuove misure prese dal sindaco Valeria Mancinelli per contenere il più possibile il diffondersi del Covid-19, ma il primo cittadino in un video sul suo profilo Fb, si rivolge in particolare ai giovani, che sabato sera hanno riempito piazza del Papa e si sono ammassati nei pressi dei locali.

#Iostoacasa Parlo a tutti e, in particolar modo, mi rivolgo ai giovani. Insisto nel chiedere impegno e serietà in…

Pubblicato da Valeria Mancinelli su Lunedì 9 marzo 2020

«Mi rivolgo a cuore aperto in particolare ai giovani – ha detto la Mancinelli – capisco che a 18 anni è difficile stare dentro casa, ma così non va bene. È inutile che chiudiamo le scuole se poi vi accalcate come le sardine in piazza del Papa. Questo non è tollerabile. Lo dico ai giovani, ma anche a chi gestisce i locali. Il senso di responsabilità individuale deve portarci ad evitare questi comportamenti. Insisto nel chiedere impegno e serietà in questo momento così difficile che stiamo affrontando. Tenete anche conto che stiamo allertando sistemi di vigilanza e di sanzione per chi non adotta comportamenti responsabili».

«Stiamo seguendo di giorno in giorno l’evoluzione della situazione che è molto seria e, dalle notizie che abbiamo, possiamo dire che nei prossimi giorni peggiorerà. Di fronte a questa realtà – continua il primo cittadino – continuiamo a dire che non bisogna farsi prendere dal panico, ma contemporaneamente bisogna alzare il livello di guardia. Questa è una battaglia che non vinceremo se ciascuno di noi non farà la sua parte».

Tra le nuove misure prese dall’Amministrazione, «saranno chiusi da domani, 10 marzo, tutti i centri diurni, anche quelli per disabili, quelli che fino a tre giorni fa pensavamo di poter garantire ancora aperti. Non è più così, in primo luogo per la salute delle persone che li frequentano e per la salute pubblica. Saranno chiuse anche tutte le palestre comunali, scolastiche, tutte le piscine comunali, tutti gli altri impianti sportivi dove ci può essere assembramento di persone».

Pannelli protettivi

Il Sindaco spiega che «sono già chiusi anche nella nostra zona, per disposizione del Governo, cinema, teatri e musei. Il Comune sta prendendo ulteriori misure per limitare e regolare l’afflusso del pubblico presso gli uffici comunali e nell’utilizzo del personale comunale».

Fino al 3 aprile i servizi al pubblico saranno erogati solo su appuntamento e, per tutelare dipendenti e utenti, nelle giornate di venerdì e sabato il magazzino comunale ha provveduto alla sistemazione di pannelli protettivi negli spazi aperti al pubblico. L’intervento ha avuto per oggetto le sedi della Carta di identità elettronica, l’ufficio di promozione sociale del Viale della Vittoria, lo stato civile, l’anagrafe, l’ingresso del Comune. Nella giornata di oggi l’intervento è stato completato negli uffici dei servizi sociali del Piano e in quelli del Sui. Domani e mercoledì si interverrà presso i servizi cimiteriali, uffici messi, polizia locale e gli uffici di via Scrima.

«Le istituzioni stanno anche approntando ulteriori servizi di cura e vicinanza per le persone che ne avranno bisogno, – spiega il sindaco – in particolare stiamo potenziando il servizio di pronto intervento sociale. Questo significa che nei prossimi giorni potremo garantire la consegna della spesa e dei medicinali a domicilio, e l’assistenza alla persona per chi è in quarantena o necessita di essere curata a domicilio. Nessuno sarà lasciato solo, ma ciascuno deve fare la sua parte, in particolare i giovani».

Per agevolare chi non vuole prende i bus ed evitare situazioni di affollamento, al via da oggi anche le tariffe dimezzate nei parcheggi. Fino al 15 marzo compreso, ci sarà una riduzione del 50% delle tariffe nel parcheggio Traiano (da 1,20 euro a 60 cent l’ora), nel park Cialdini (da 1,60 euro a 80 cent l’ora), nel park Umberto I° (da 1 euro a 50 cent l’ora). La proroga, eventuale, di queste agevolazioni anche oltre la scadenza prevista del 15 marzo, sarà valutata da Mobilità & Parcheggi di concerto con l’Amministrazione comunale.