Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Maltempo: precipitazioni più contenute del previsto nelle Marche. Il punto con la Protezione civile

Sono 40 gli interventi dei vigili del fuoco in tutta la regione, specie tra la provincia di Ancona, la più colpita dalle precipitazioni insieme a quella di Pesaro Urbino. Non si registrano criticità sull'Ascolano, Maceratese e Fermano

Maltempo a Senigallia, innalzato il livello del fiume Misa

ANCONA – Situazione meno critica del previsto sul fronte del maltempo. L’allerta meteo, diramata nella giornata di ieri, 7 ottobre, dalla Protezione civile regionale, valevole fino alle 24 di oggi – 7 ottobre – per fortuna non ha causato per ora danni significativi nelle Marche dove gli interventi in corso stanno riguardando soprattutto la rimozione di rami ed alberi pericolanti.

40 gli interventi che al momento (ore 12) hanno interessato tutta la regione, dei quali 20 nella provincia di Ancona, la più colpita dalle precipitazioni insieme a quella di Pesaro Urbino, dove invece gli interventi delle squadre dei vigili del fuoco sono stati più di una decina. Nell’Anconetano gli interventi delle fiamme rosse si sono concentrati soprattutto tra Senigallia e Ancona, lungo la costa.

A Falconara Marittima i vigili del fuoco sono intervenuti per la rimozione di un grosso pannello pericolante da un tetto di una abitazione. Non si registrano criticità particolari al momento. Tranquilla la situazione su Ascolano, Maceratese e Fermano. Tre le squadre dei vigili del fuoco impegnate al momento nell’Anconetano e un paio sul Pesarese, dove si è verificato un piccolo smottamento nella frazione Pergolese.

La sala operativa della Protezione civile

Livello di allerta molto alto a Senigallia, dove è ancora aperta la ferita dell’alluvione che 7 anni fa causò 4 morti e 180 milioni di euro di danni. Sorvegliato speciale il Fiume Misa, che attraversa la città, ma le piogge più contenute del previsto non hanno causato particolari problemi anche se il livello del corso d’acqua si è innalzato. Nella sala operativa della Protezione civile di Senigallia c’era forte apprensione per la perturbazione della prima mattina di oggi, che però ha deviato in parte il suo percorso, senza causare criticità particolari.

Pienamente operativa la macchina della Protezione civile regionale che ha messo in campo sul territorio 90 volontari a supporto dei 25 Comuni che hanno attivato i Coc, Centri Operativi Comunali. Con loro anche il genio civile con i suoi reperibili. I volontari si occupano del monitoraggio dei punti sensibili della viabilità, come i sottopassi, e del reticolo idrogeografico.

David Piccinini, direttore della Protezione civile regionale
David Piccinini, direttore della Protezione civile regionale

Il capo della Protezione civile regionale, David Piccinini, spiega che per ora la situazione è ancora in fase di valutazione, e nelle prossime ore si deciderà se prorogare o meno l’allerta meteo, ma intanto fa notare che il livello delle precipitazioni è stato inferiore a quello atteso e le piogge sono rimaste contenute su livelli di cumulate compresi tra 50-60millimetri, senza arrivare a 80-100millimetri come era previsto. «Sono orgoglioso del sistema di Protezione civile – spiega Piccinini – ogni componente sta facendo la propria parte in maniera molto attenta e scrupolosa. Capisco le famiglie con i figli a casa, ma la scelta di chiudere le scuole presa da alcuni Comuni, resta in capo all’autorità locale e viene assunta sulla base della conoscenza del territorio, non c’è un automatismo con il messaggio di allertamento».

Stefano Foresi, assessore Protezione civile Comune di Ancona

«Situazione sotto controllo ad Ancona» spiega l’assessore alla Protezione civile del Comune di Ancona, Stefano Foresi. Il centro operativo comunale di Ancona è attivo dalla notte scorsa ed è «sempre rimasto presidiato». Tutti aperti i  sottopassi della città, dove non si è registrato al momento alcun allagamento.

L’assessore fa sapere anche che gli interventi hanno interessato soprattutto alberi pericolanti: nella notte le squadre della Protezione civile hanno proceduto alla messa in scurezza di alcuni alberi a Paterno, mentre nella mattinata sono intervenuti in via Birarelli per un albero pericolante. Ripulito dai rami caduti a causa delle raffiche di vento il viale della Vittoria.