Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Ancona, lite tra fidanzati: foglio di via per 40enne

I poliziotti intervenuti in via Circumvallazione hanno individuato un uomo e una donna, entrambi anconetani, di circa 40anni, già noti alle Forze dell’Ordine per precedenti, che litigano spesso per questioni affettive e di gelosia

La Questura di Ancona
La Questura di Ancona

ANCONA – Foglio di via obbligatorio dal Comune di Ancona per un 40enne. Le Volanti nella serata di ieri sono intervenute in via Circumvallazione ad Ancona, per una lite tra ex fidanzati. Una volta sul posto, i poliziotti hanno individuato un uomo e una donna, entrambi anconetani, di circa 40anni, già noti alle Forze dell’Ordine, per precedenti di polizia, che litigano spesso per questioni affettive e di gelosia.

Valutata la posizione della coppia, il Questore di Ancona ha emesso un foglio di via nei confronti dell’uomo, residente a Falconara Marittima e senza occupazione lavorativa in Ancona, in quanto, stando a quanto riferisce la Questura in una nota stampa, l’uomo «giunge nel capoluogo solo per commettere delitti ed infastidire i residenti dell’immobile, ove  la ex convivente ha occupato un immobile in modo abusivo».

Il foglio di via, disposto su istruttoria della Divisione Anticrimine per tre anni, impedisce all’uomo di tornare sul territorio di Ancona, in quanto ritenuto «soggetto pericoloso per l’ordine e la sicurezza pubblica, che non ha alcun legittimo motivo né lavorativo, né familiare per trattenersi nel territorio anconetano».

Dal mese di gennaio 2022 ad oggi il Questore di Ancona ha emesso complessivamente, 92 fogli di via obbligatori, 61 avvisi orali e 67 Daspo Willy, ovvero divieti di avvicinamento alle aree urbane. Il Questore di Ancona, Cesare Capocasa afferma: «La Polizia di Stato mette in campo, quotidianamente, ogni strumento disponibile per raggiungere l’obiettivo di garantire la sicurezza dei cittadini attraverso la prevenzione dei reati, intensificando l’attività di controllo del territorio e adottando misure che incidono sulla libertà personale di soggetti considerati in base alle le previsioni normative, pericolosi per l’ordine e la sicurezza pubblica».