Incidente in autostrada: un morto e quattro feriti, uno gravissimo

È successo attorno alle 6.45, tra i caselli di Ancona sud e Ancona Nord. Morto sul colpo un 27enne di origine svizzera che viaggiava con il fratello. Hanno tamponato una cisterna che trasportava latte. Un camionista e un automobilista scesi a prestare soccorso sono stati investiti da una vettura. Sul posto per i rilievi la polizia autostradale di Fano

L'incidente in A14

ANCONA – Incidente in A14, un morto e quattro feriti, uno è gravissimo. È successo attorno alle 6.45, tra i caselli di Ancona sud e Ancona Nord. Nello scontro sono rimaste coinvolte tre auto e due mezzi pesanti di cui uno era una cisterna che trasportava latte. La tragedia si è consumata per un tamponamento. Due fratelli di origine svizzera, di 19 e 27 anni, a bordo di una Fiat Tipo presa a noleggio, stavano tornando dalle vacanze (erano partiti dalla provincia di Campobasso) quando usciti dalla galleria, a 400 metri dal casello di Ancona nord, hanno tamponato una cisterna condotta da un 35enne di Amandola che procedeva regolarmente davanti a loro.

L’impatto è stato mortale per il passeggero, il 27enne Michael Ian Schori, rimasto incastrato tra le lamiere della Fiat Tipo. Il giovane è morto sul colpo. Ferito lievemente il fratello più piccolo che guidava l’auto (nel pomeriggio è stato già dimesso). Uscendo dal tunnel non si sarebbe accorto del mezzo pesante che aveva davanti. L’incidente ha portato una vettura condotta da un albanese di 30 anni residente a Macerata e che viaggiava con il padre anziano a fermarsi. Anche un camion guidato da un 37enne di Mogliano ha fermato la marcia. L’autotrasportatore e l’albanese sono scesi per prestare soccorso ma sono stati investiti da una Citroën C2 condotta da un civitanovese che non è riuscito a frenare in tempo per evitare l’incidente e i veicoli già fermi che occupavano quasi l’intera carreggiata. Il camionista è in gravi condizioni ed è stato ricoverato in prognosi riservata all’ospedale di Torrette. Grave ma non in pericolo di vita l’albanese che ha riportato una frattura alla gamba e una prognosi di 30 giorni. Il padre, dopo l’investimento del figlio, ha accusato un malore ed è stato portato anche lui in ospedale. Sul posto è arrivata l’eliambulanza che ha calato l’equipaggio medico con il verricello. In A 14 anche due automediche, la Croce Gialla di Camerano, i vigili del fuoco di Ancona e Osimo che hanno dovuto liberare dalle lamiere il giovane morto sul colpo. Per i rilievi è intervenuta la polizia autostradale di Fano.