Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Dà in escandescenze sul bus, 38enne arrestato dalle volanti ad Ancona

Pregiudicato completamente ubriaco ha prima rotto la porta a vetri del mezzo, poi ha reagito all'intervento della polizia sferrando calci e pugni contro gli agenti. Il Tribunale di Ancona ha convalidato l'arresto

ANCONA – Semina il panico sul bus e sfonda la porta nella parte centrale del mezzo, ma non sfugge agli agenti delle volanti che lo arrestano. È accaduto intorno alle 18:15 di domenica 27 ottobre, a bordo di un pullman della Conerobus (linea N) in via Giordano Bruno ad Ancona.

Un 38enne anconetano, ubriaco fradicio, dopo essere salito in piazza Rosselli, ha creato scompiglio sul mezzo. L’uomo che aveva il volto coperto da sciarpa e cappello neri, imprecava al telefono ad alta voce suscitando timore tra i passeggeri. Dopo aver chiesto all’autista di farlo scendere il 38enne ha rotto a calci la porta a vetri che si trova nella parte centrale del bus nel tentativo di scendere dal mezzo. Il conducente poco dopo ha arrestato la corsa del mezzo in via Giordano Bruno facendo scendere l’uomo che aveva provato ad uscire dalla porta rotta, ferendosi. Il 38enne ha provato a dileguarsi ma gli agenti delle volanti lo hanno rintracciato in via Macerata, dove aveva rovesciato a terra un cassonetto dei rifiuti in un impeto di rabbia.

Bloccato, il 38enne ha reagito tentando di colpire con calci e pugni i poliziotti delle volanti intervenuti. Il pluripregiudicato è stato arrestato con l’accusa di danneggiamento aggravato, resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale, attentato alla sicurezza dei trasporti, interruzione di pubblico servizio. Questa mattina il Tribunale di Ancona ha convalidato l’arresto e, nell’attesa del procedimento, ha applicato l’obbligo di firma in Questura.