Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Elezioni, appello Europa Verde-Verdi a 5 Stelle: «Serve terzo polo progressista, ecologista, dei diritti e solidarietà»

Propone di replicare su scala nazionale il "modello jesino" Rossana Del Regno, co-portavoce di Europa Verde - Verdi Jesi e membro del Consiglio Federale Nazionale Europa Verde - Verdi. Obiettivo creare un terzo polo

parlamento, camera dei deputati
La foto della Camera lo scorso novembre

ANCONA – È corte serrata tra le forze politiche, per creare coalizioni in vista delle elezioni politiche che si terranno il 25 settembre. Una vera e propria corsa contro il tempo, visto che all’avvio della campagna elettorale (il 25 agosto) mancano solamente 20 giorni. E le pedine sullo scacchiere politico per la prima volta si muovono tutte sotto l’ombrellone, nel caldo torrido di questa estate, che non dimenticheremo di certo, non solo per le temperature record e le elezioni a settembre, le prime nella storia Repubblicana, ma anche e soprattutto per l’inflazione record, la pandemia che ancora non molla la presa e una guerra alle porte d’Europa che sta distruggendo una nazione, l’Ucraina, provocando morte e devastazione.

Dalle Marche parte l’appello delle forze ecologiste a creare un terzo polo, alternativo da un lato al centrosinistra di Letta (Pd) e Calenda (Azione) e al centrodestra di Meloni (FdI), Salvini (Lega) e Berlusconi (Forza Italia). La proposta di ‘fidanzamento’, con tanto di anello bello che pronto, arriva da Rossana Del Regno, co-portavoce di Europa Verde – Verdi Jesi e membro del Consiglio Federale Nazionale Europa Verde – Verdi. L’obiettivo è quello di replicare su scala nazionale l’esperimento jesino delle ultime elezioni amministrative

«Alle elezioni amministrative di giugno – dice Del Regno – a Jesi la sinistra si è presentata agli elettori con una coalizione ampia, condivisa e rappresentativa del territorio, uscita vincitrice dalla tornata elettorale. La lista composta da Verdi e M5s ha superato il 5%, è stata premiata per la sua attenzione ai temi ambientali e del territorio. I Verdi sono tornati in Consiglio dopo una lunga assenza determinando un nuovo sodalizio fra Verdi e Pentastellati». A Jesi è stato eletto sindaco Lorenzo Fiordelmondo grazie ad una coalizione di centrosinistra tra Pd, Sinistra Italiana, Verdi e M5s, insieme ad alcune civiche.

«Questo stesso sodalizio appare in questi giorni come apripista di un nuovo modello a livello nazionale, dove si fa strada l’urgenza di un’unica lista alternativa con Europa Verde, Sinistra Italiana e Movimento 5 Stelle – prosegue – per costruire un progetto politico ambientalista, progressista e dei diritti civili. A seguito dell’alleanza Pd-Azione e +Europa che invocano come un mantra l’agenda Draghi è ormai necessario costruire un soggetto politico-elettorale tra Europa Verde e le forze ecologiste e progressiste presenti nel panorama politico nazionale, a partire da Sinistra Italiana, ma includendo anche il M5s e tutti coloro che hanno contrastato e contrastano il programma Draghi per costruire insieme a personalità del mondo sociale e ambientalista, una grande rappresentanza dei diritti e dell’ecologia autonoma e indipendente».

Dal momento che «Europa Verde e Sinistra Italiana sono stati all’opposizione del Governo Draghi e delle sue proposte, soprattutto in campo ambientale, è naturale proporre una diversa base programmatica – aggiunge – .Una base programmatica che mette al centro emergenze ormai non più rimandabili, come la realizzazione di un piano nazionale di adattamento e mitigazione dei cambiamenti climatici, l’attuazione di una reale transizione ecologica e digitale, l’affermazione di un’equità territoriale tra nord e sud del Paese, il riequilibrio sociale ed economico tra costa ed entroterra, il riconoscimento di un ruolo strategico del terzo settore tra i corpi intermedi della comunità italiana, la regolamentazione dei diritti di tutte le specie senzienti».

Secondo Del Regno, «la strada da intraprendere, visto il deficit programmatico del Pd è creare un grande terzo polo progressista, ecologista, dei diritti e della solidarietà per competere alle imminenti elezioni politiche»