Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Covid, curva in flessione da 8 settimane nelle Marche. Ma crescono i contagi a scuola

Continua a scendere il numero dei casi positivi al virus. A preoccupare invece gli istituti scolastici: 182 le classi in quarantena e 1.260 studenti sono positivi

ANCONA – Migliora l’andamento della pandemia di covid-19 nelle Marche, i casi positivi continuano a diminuire di settimana in settimana, mentre nelle scuole, invece, l’incidenza è in crescita.

Ormai da otto settimane nelle Marche è in atto una riduzione costante dei nuovi casi positivi al virus, anche se la diminuzione nelle ultime settimane si è fatta più leggera rispetto alla fase in cui il calo è iniziato. La scorsa settimana si è chiusa con 1.970 nuovi casi positivi, mentre quella presa a riferimento per stabilire la zona in cui si collocheranno le Marche a partire da lunedì 10 maggio si è chiusa con 1.680 positivi, con una riduzione del 15% sulla settimana precedente. Da considerare però che il periodo su cui sono stati rilevati i 1.680 casi include anche sabato primo maggio, che essendo una giornata festiva ha visto un minor numero di tamponi eseguiti.

La settimana in corso è importante, dal momento che consentirà di verificare se la curva epidemiologica proseguirà nel suo andamento in flessione o se inizierà a stabilizzarsi. Ma se la curva dei positivi scende, i casi nelle scuole invece crescono, come prevedibile viste le riaperture. Nelle Marche, stando ai dati forniti dall’Ufficio Scolastico Regionale, sono 182 le classi in quarantena per casi positivi di covid, in pratica l’1,74% delle 10.428 in cui sono complessivamente organizzate le scuole della regione. Un dato in leggero calo rispetto alle 198 classi i cui alunni e docenti erano stati costretti il 27 aprile scorso. Analizzando in maniera più approfondita il dato numerico, lo stop alle lezioni interessa il 2,28% delle classi della scuola d’infanzia, il 2,10% della primaria, l’1,92% delle secondarie di primo grado e l’1,06% delle secondarie di secondo grado.

Per quanto riguarda le quarantene complessivamente registrate nelle Marche dal 28 marzo, il 19,23% sono nelle classi della scuola d’infanzia, il 39,56% nelle classi della scuola primaria, il 20,88% nelle classi della scuola secondaria di primo grado e il 20,33% nelle classi della scuola secondaria di secondo grado.

Per valutare l’eventuale effetto della ripresa delle lezioni in presenza nelle scuole superiori, scattato il 26 aprile, bisognerà aspettare all’inizio della prossima settimana. Ma già sulle fasce d’età 11-13, 6-10 e 3-5, si rileva un andamento di crescita nel tasso di incidenza dei contagi, mentre le altre flettono tutte. Complessivamente a ieri – 4 maggio – nelle Marche il dato relativo agli alunni positivi in setting scolastico e ai quarantenati nelle classi, tocca quota 1.260. Sarà cruciale, a questo punto, capire se è possibile convivere con una incidenza più alta, avendo una minore pressione sulle strutture ospedaliere grazie alla copertura della popolazione fragile con la vaccinazione.