Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Fase due: congiunti, spostamenti, attività motoria e autocertificazione. Ecco i chiarimenti del Governo

Sono state pubblicate sul sito della presidenza del Consiglio dei Ministri le risposte ai dubbi del Decreto relativo alla fase due che scatterà alla mezzanotte del 3 maggio

ANCONA – Chi sono i congiunti? Si può uscire per una passeggiata. Si possono portare i figli al parco? A questi e ad altri quesiti che attanagliano gli italiani è finalmente arrivata una risposta. Sul sito della Presidenza del Consiglio dei Ministri sono state pubblicate le Faq che chiariscono tutti i dubbi sulle disposizioni previste per la fase due che entreranno in vigore a partire dalla mezzanotte del 3 maggio con il nuovo Decreto che sancisce, fra le altre cose, l’uso obbligatorio della mascherina nei luoghi chiusi accessibili al pubblico (mezzi di trasporto pubblico e esercizi commerciali).
Ecco nel dettaglio i chiarimenti del Governo.

CONGIUNTI
Tra i punti che avevano sollevato maggiori polemiche, quello dei congiunti, o meglio se tra questi si potessero annoverare anche i partner. Una questione piuttosto calda che ora viene chiarita. Secondo la presidenza i congiunti «cui fa riferimento il Dpcm» sono «coniugi, partner conviventi, partner delle unioni civili, persone che sono legate da uno stabile legame affettivo, nonché parenti fino al sesto grado (come, per esempio, i figli dei cugini tra loro) e gli affini fino al quarto grado (come, per esempio, i cugini del coniuge)». Uno spostamento, quello per fare visita ai congiunti, che deve essere considerato nella categoria di quelli ammessi per necessità. «E’ comunque fortemente raccomandato limitare al massimo gli incontri con persone non conviventi, poiché questo aumenta il rischio di contagio – si legge nella Faq – . In occasione di questi incontri devono essere rispettati: il divieto di assembramento, il distanziamento interpersonale di almeno un metro e l’obbligo di usare le mascherine per la protezione delle vie respiratorie». Attenzione perché in caso di febbre superiore ai 37,5 gradi è obbligatorio restare a casa.

AUTOCERTIFICAZIONE
Altro tema caldo quello dell’autocertificazione. Come va compilata. Quando si fa visita ai congiunti occorre riempire tutti gli spazi sull’identità della persona che effettua lo spostamento; va indicato l’indirizzo da cui è iniziato lo spostamento e quello di destinazione, mentre non va indicato il nome del congiunto per ragioni di privacy. In questo caso dopo aver compilato con i dati richiesti bisognerà barrare la casella situazione di necessità. Nello spazio «a questo riguardo dichiara che » bisogna specificare che si tratta di una visita a un congiunto inserendo il grado di parentela.

BAMBINI 
I bambini potranno accedere ai parchi, alle ville e ai giardini pubblici a patto di evitare ogni forma di assembramento e di rispettare la distanza di sicurezza interpersonale di un metro. «Non possono essere utilizzate le aree attrezzate per il gioco dei bambini» che restano chiuse. Attenzione però, perché i sindaci possono disporre la temporanea chiusura di aree dove non sia possibile assicurare il rispetto delle misure previste (divieto di assembramento e rispetto della distanza).

ATTIVITA’ MOTORIA E SPORTIVA
Dal 4 maggio l’attività sportiva e motoria all’aperto è consentita solo se svolta individualmente (a meno che non si tratti di persone conviventi) e anche lontano dalla propria abitazione. Via libera all’attività motoria anche per i bambini ed è consentita la presenza di un accompagnatore per i minori o per le persone non completamente autosufficienti. Obbligatorio rispettare la distanza interpersonale di almeno due metri, se si tratta di attività sportiva, e di un metro, se si tratta di semplice attività motoria. In ogni caso sono vietati gli assembramenti. Per raggiungere il luogo in cui si intende svolgere l’attività motoria è consentito anche di spostarsi con mezzi pubblici o privati a patto di rimanere nella propria regione. Consentito l’uso della bicicletta per svolgere attività motoria, ma anche per raggiungere la sede di lavoro, il luogo di residenza o i negozi, sempre nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale.

PASSEGGIATA
Discorso a parte per quanto riguarda la passeggiata. Si può uscire dal proprio domicilio solo per andare al lavoro, per motivi di salute, per necessità ovvero anche per recarsi dai propri congiunti, o per svolgere attività motoria all’aperto. Le passeggiate sono ammesse solo se per andare a fare la spesa, per acquistare giornali, per andare in farmacia, o per acquistare beni necessari per la vita quotidiana.

CIMITERO
Da lunedì sarà permesso recarsi al cimitero per far visita ai parenti defunti nella propria regione di residenza a patto di rispettare la distanza di sicurezza e di evitare assembramenti.