Confindustria Marche, Giovanni Tardini alla guida delle Piccole imprese

«Sono convinto che le Pmi abbiano le carte in regola per continuare a essere protagoniste del futuro della nostra regione», commenta il neo eletto che succede a Diego Mingarelli. Rimarrà in carica fino al 2021. Ecco i suoi obiettivi

Giovanni Tardini

ANCONA – «Accolgo questa nomina con grande entusiasmo, ma al contempo conscio della grande responsabilità che mi attende». Queste le prime parole di Giovanni Tardini, eletto presidente del Comitato Regionale della Piccola Industria delle Marche per il biennio 2019-2021 nel corso della riunione del Comitato svoltosi ieri, 17 luglio, presso la sede di Confindustria Marche ad Ancona.

Nel ringraziare i colleghi del Comitato Piccola Industria per la stima e la fiducia dimostrata ed il presidente uscente Diego Mingarelli per l’eccellente lavoro svolto, Tardini ha evidenziato che: «le imprese piccole e medie marchigiane hanno sofferto profondamente in questi anni e per alcune le difficoltà non sono ancora superate. Sono convinto – prosegue il neo presidente – che abbiano le carte in regola per continuare a essere protagoniste del futuro della nostra regione».

Un incarico molto sentito, che vestirà con convinzione e energia, per «affiancare e supportare le imprese nelle loro sfide quotidiane anche attraverso una crescita culturale per contribuire allo sviluppo del sistema produttivo regionale. Strategico sarà l’ascolto e la vicinanza ai territori, così come la cooperazione con il Nazionale e gli altri Comitati regionali».

Nella giornata di ieri, inoltre, eletti i Vicepresidenti Chiara Ercoli, componente del Comitato Piccola Industria di Confindustria Macerata, e Alfredo Leonardi, componente del Comitato Piccola Industria di Confindustria Marche Nord – territoriale di Pesaro Urbino. Come componente aggiuntivo in Consiglio Centrale di Piccola Industria Nazionale nominato Diego Mingarelli, Presidente del Comitato Piccola Industria di Confindustria Marche Nord.