Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Ancona verso le comunali 2023, Altra Idea di Città sceglie il candidato. A destra rumors su Silvetti

Il centrosinistra di Ancona si spacca: i Verdi fuori dalla coalizione per le prossime comunali. Aic sceglie il candidato. A centrodestra qualche diceria su Silvetti

ANCONA – A meno di un anno dalle elezioni amministrative si anima il dibattito politico in città. Ancora nessun nome è stato ufficializzato, ma i rumors si rincorrono a velocità da MotoGp. I primi ad uscire fuori dalla nebulosa di mistero è la sinistra rappresentata da Altra Idea di Città, che annuncia la scelta del candidato sindaco il prossimo 14 luglio. Mentre in casa Pd nessuno lo conferma, ma le due figure che con tutta probabilità saranno in campo per le primarie sono Ida Simonella (assessore al porto, piano strategico) e Carlo Maria Pesaresi, avvocato e già assessore alla cultura in Provincia sotto la presidenza di Patrizia Casagrande. E a centrodestra? Anche qui, per ora, solo voci. Ma da più parti si fa il nome di Daniele Silvetti, presidente del Parco del Conero in quota Forza Italia, quale probabile candidatura alla guida del capoluogo. 

Tutto da definire

«Onestamente non commento» risponde con un sorriso malcelato Silvetti, che conferma di essere a conoscenza di queste voci. «È un chiacchiericcio che è arrivato anche alle mie orecchie – ribadisce il presidente del Parco del Conero -, ma nessuno mi ha chiesto di candidarmi e io non l’ho chiesto a nessuno». Il linguaggio è il politichese, si sa: equilibrismi ed ermetismo. E anche a centrosinistra il detto e non detto è di casa. Simonella e Pesaresi, oramai neanche troppo velatamente, sembrerebbero in fase di riscaldamento pre-primarie. Ma l’ufficialità dal Pd non è ancora arrivata. Anche perché il segretario Dem Simone Pelosi non esclude l’entrata in campo di altri candidati. Tipo la presidente del consiglio comunale Susanna Dini? Anche su questo nome regna il mistero più totale. Ma i bisbigli all’orecchio degli addetti ai lavori porterebbero a non escludere anche questa terza via. Poi ci sono i Verdi, che proprio ieri (5 luglio) hanno annunciato di non fare parte della coalizione di centrosinistra. Motivo? Una divergenza di vedute sull’Area marina protetta: gli ambientalisti ovviamente favorevoli, il Pd no. E quindi la lista, con tutta probabilità, correrà da sola e presenterà il proprio candidato sindaco. 

Fuori dal coro

Gli unici fuori dal coro sono gli esponenti di Altra Idea di Città, partito a sinistra del Pd e in forte contrasto con l’amministrazione Mancinelli. «Il prossimo 14 luglio formalizzeremo la nostra proposta politica e il nostro candidato sindaco» si legge in una nota inviata dal Coordinamento del partito. «L’obiettivo – continua il documento – tramite idee chiare e radicali e un candidato sindaco in grado di rappresentare le miglior energie cittadine, è quello di dare vita ad una coalizione sociale ampia e plurale». La road map, dunque, prevede l’ufficialità del candidato sindaco il 14 luglio e poi la pubblicazione del documento programmatico.