Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Ancona, clochard minaccia negozianti: «Tiro fuori il coltello e vi taglio la gola»

Paura in corso Mazzini. Presi di mira i titolari della Casa del Tortellino. «Mio marito non passava con l’auto e lui non voleva spostarsi»

ANCONA – Bloccava la strada e lui voleva solo passare con l’auto. È finita con una minaccia di morte a due commercianti la giornata di ieri (26 Giugno), in corso Mazzini. Poco dopo le 11 un senza fissa dimora, in fila fuori alla mensa del povero, dove attendeva di entrare per consumare il Pts domenicale, ha prima inveito contro il titolare del negozio di pasta fresca “La Casa del tortellino” e poi ha minacciato la moglie con un coltello mimando il gesto del taglio della gola.

Tutto perché il titolare, Paolo Limberti, voleva passare lungo il vicolo per parcheggiare l’auto qualche minuto vicino alla sua attività e scaricare delle cose. Lì c’era il senzatetto, in mezzo alla strada e lui gli ha chiesto di spostarsi. La reazione dell’uomo sarebbe stata da subito violenta. Si è messo ad urlare ad imprecare tanto che dal negozio è uscita la moglie del commerciante, Daniela Frizzo, che ha cercato di riportare la calma. È in quel frangente che il clochard avrebbe detto «guarda che tiro fuori il coltello».

Moglie e marito sono rientrati nel negozio e il senzatetto si è messo davanti alla vetrina che fa angolo con via Padre Guido, il vicolo dove si trova la mensa, e ha tirato fuori il coltello minacciano con il segno mimato di tagliare loro la gola. Frizzo ha chiamato la polizia spaventata. Due pattuglie sono arrivate in corso Mazzini e hanno avvicinato il senza tetto portandolo poi via per accertamenti.

I due negozianti hanno ora trenta giorni di tempo per fare denuncia ma fino a ieri non erano propensi a farlo.