Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Mano protesa dell’Anci Marche: «Sostegno all’associazione Fibromialgia»

La realtà che mette in rete i Comuni accanto a quella che segue i pazienti fibromialgici con una campagna di sensibilizzazione regionale

Antonella Moretto
Antonella Moretto, presidente Afi Odv Marche

Una campagna di sensibilizzazione regionale per promuovere gli effetti di una sindrome dolorosa e che affligge molte persone. È quanto stanno facendo in sinergia l’associazione Fibromialgia Italia OdV con il contributo dell’Anci Marche, grazie alla distribuzione cartacea ed elettronica dell’opuscolo che suggerisce l’identikit del malato fibromialgico e con eventi informativi rivolti alla collettività.

«La partecipazione dell’Anci e la sua collaborazione in questo progetto è un valore aggiunto alla causa che da anni l’associazione sostiene», riferisce il presidente Antonella Moretto. Da almeno otto, infatti, l’Afi OdV ha svolto un lavoro pragmatico e continuo, con tante battaglie per sostenere e aiutare a chi purtroppo fa i conti con una malattia che compromette la qualità di vita, colpisce il 2-3% della popolazione del nostro Paese e 9 su 10 sono donne. La forbice di età va dai 20 ai 60 anni verificandosi anche casi in età pediatrica e adolescenziale. Caratteristica importante della Fibromialgia è il dolore muscoloscheletrico diffuso, associato ad astenia, a disturbi del sonno, a disturbi cognitivi comportamentali e a sintomi neurovegetativi e somatici.

«Ancora oggi viene definita come una malattia difficile da diagnosticare e da seguire terapeuticamente – continua Moretto -. Possono passare anche anni prima che il malato approdi alla diagnosi di fibromialgia e dopo aver subito un forte nomadismo da un ospedale all’altro, da un reparto all’altro, da un medico all’altro ma anche da una città all’altra». Poi Moretto insiste sul ruolo di Afi: «Ha svolto un ruolo fondamentale come promotrice e coautrice di una delle PdL (PdL 115) nel percorso che ha portato alla Legge R. 38/17 nella regione Marche a tutela del malato di Fibromialgia e di Sensibilità Chimica Multipla, in cui di particolare rilievo è l’individuazione di un Centro di Riferimento di Fibromialgia e di Sensibilità Chimica Multipla. Ringraziamo Anci per il sostegno».