Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Anci Marche, Alessandro Bono nominato coordinatore della conferenza regionale dei consigli comunali

Il neo-eletto: «Sono onorato dell’elezione all’unanimità e credo molto nella capacità di confrontarci e scambiare notizie con incontri tematici»

ANCONA – L’assemblea di Anci Marche ha eletto all’unanimità Alessandro Bono, presidente del consiglio comunale di Ascoli Piceno, coordinatore della Conferenza dei consigli comunali.
Nel corso dell’incontro il direttore aggiunto Marcello Bedeschi ha relazionato circa la manifestazione corale tenutasi a Roma lo scorso 7 luglio che ha ottenuto piena condivisione confermando il ruolo di interlocuzione istituzionale dell’Anci.

Alessandro Bono

L’incontro è stato moderato dalla coordinatrice uscente Susanna Dini che ha ricordato «la grande disponibilità da parte di tutti i colleghi di poter lavorare tutti insieme anche in un momento molto difficile anche solo per incontrarsi come quello del periodo della pandemia».

All’incontro ha partecipato anche il presidente della giunta regionale Francesco Acquaroli che ha ricordato la propria esperienza di consigliere comunale «che è stato per me un forte insegnamento», ha ricordato il presidente.
«Essere in consiglio comunale – ha aggiunto – significa stare con la gente e farsi interprete delle esigenze dei propri concittadini».

Susanna Dini ha proposto la candidatura di Alessandro Bono e all’unanimità l’assemblea ha designato il coordinatore.

A sostegno della candidatura prima della candidatura sono intervenuti Marco Perugini, presidente del consiglio comunale di Pesaro e di Massimo Bello, presidente del consiglio comunale di Senigallia. Dopo l’elezione Alessandro Bono ha ringraziato per la fiducia.
«Sono onorato dell’elezione all’unanimità – ha detto Bono – e credo molto nella capacità di confrontarci e scambiare notizie con incontri tematici che ci consentano di svolgere la meglio la nostra funzione incontrandoci per realtà territoriale provinciali per vivere il coordinamento in maniera più possibile aperto».