Aggressione a Palombina: la Polizia trova i responsabili, la vittima non li denuncia

Gli agenti della Polfer sono invece intervenuti in piazza Rosselli dove un autobus della linea urbana si era fermato a causa dell’utilizzo di uno spray al peperoncino: nei guai una 74enne

I controlli notturni della polizia

ANCONA – Un’aggressione si è verificata nella notte tra giovedì 10 e venerdì 11 luglio a Palombina, dove due giovani hanno picchiato un 24enne per poi darsi alla fuga. Solo il pronto intervento della Polizia ha permesso di acciuffare i due aggressori. Polizia che è intervenuta stamattina anche in piazza Rosselli per l’utilizzo di uno spray al peperoncino in un autobus della linea urbana.

Il primo episodio è avvenuto intorno alle ore 4, nei pressi di uno stabilimento balneare di Palombina, dove un diverbio verbale tra tre giovani si è presto tramutato in una aggressione vera e propria. Le Volanti della Questura hanno individuato un 24enne della provincia di Ancona il quale ha riferito di essere stato picchiato per futili motivi, accusando due ragazzi extracomunitari. Uno di loro l’aveva aggredito con calci e pugni prima che entrambi si dessero alla fuga.

Immediatamente sono scattate le ricerche che hanno permesso di rintracciarli poco lontano. Si tratta di un egiziano di 20 anni e di un tunisino di 27. Quest’ultimo, con alcuni precedenti di polizia alle spalle, ha risposto al fermo di Polizia tentando di divincolarsi, insultando gli agenti e rifiutandosi di fornire loro le generalità, motivo per cui è scattata la denuncia per resistenza, oltraggio a pubblico ufficiale e rifiuto di fornire le generalità. Il 20enne, incensurato, non avendo materialmente aggredito il giovane anconetano è stato rilasciato senza denunce a suo carico: la vittima dell’aggressione, pur con evidenti segni delle botte sul volto, ha rifiutato sia l’intervento del 118 sia di denunciare i due.

È andata peggio invece a una 74enne di nazionalità italiana, la quale, apparentemente senza alcun motivo, stamattina ha spruzzato dello spray al peperoncino nei confronti di due giovani passeggere, mentre si trovava a bordo del bus nr 1/4 diretto alla stazione ferroviaria di Ancona. La sostanza urticante ha provocato fastidi e irritazioni nei passeggeri tanto che l’autista è stato costretto a interrompere la corsa e a far scendere tutti gli occupanti in piazza Rosselli. Le due donne sono state medicate dal 118, mentre gli agenti della Polizia Ferroviaria in servizio nella stazione hanno provveduto a identificare la responsabile e a denunciarla per lesioni e interruzione di pubblico servizio. La bomboletta, di libera vendita, è stata sequestrata: conteneva oleoresin capsicum con concentrazione al 10%.