Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Aeroporto di Falconara: ecco gli interventi da 2,8 milioni di euro per razionalizzare le infrastrutture

Una nuova via Baldelli, una condotta anti-esondazioni, strutture per la mobilità sostenibile. Sono questi i lavori stabiliti nella convenzione tra Comune e Regione Marche

L'aeroporto di Falconara

FALCONARA MARITTIMA – Una nuova via Baldelli, a doppio senso di marcia, che consenta ai veicoli provenienti dall’aeroporto di immettersi direttamente in via Flaminia, senza congestionare la viabilità interna di Falconara. E ancora un collettore interno al fosso della Liscia per convogliare l’acqua piovana e attenuare il rischio di allagamento della pista di atterraggio dell’aeroporto Sanzio, della zona industriale e degli abitati di Castelferretti e Fiumesino. Poi l’ampliamento di via del Fossatello come via di fuga dallo scalo aeroportuale, oltre alla realizzazione di servizi e percorsi per la mobilità sostenibile.
Sono questi alcuni elementi del progetto da 2,8 milioni di euro previsto da una convenzione tra il Comune di Falconara e la Regione Marche.

L’ente regionale rinuncerà all’anticipo delle compensazioni per l’area Quadrilatero, che non sarà più realizzata, per razionalizzare le infrastrutture a servizio dell’Aeroporto delle Marche, metterlo in sicurezza e realizzare nuove aree attrezzate per attività legate allo scalo.

Il primo intervento riguarda la diramazione di via Fossatello che passa limitrofa all’albergo e al centro commerciale (entrambi in costruzione):  sono previsti colonnine per la ricarica delle auto elettriche, un punto di bike sharing e un nuovo tratto di pista ciclabile lungo via Fossatello, un parcheggio a raso, illuminazione e videosorveglianza, oltre alla sistemazione della strada e alla piantumazione di alberi e siepi. L’importo complessivo stimato è di 320 mila euro.

Il secondo intervento interessa la viabilità lungo via Marconi, via Mauri, via Bruno, via Marconi e via Baldelli fino all’innesto con via Flaminia. In particolare, in vista della realizzazione del nuovo sottopasso ferroviario di Villanova prevista con il bypass, è programmato l’ampliamento di via Baldelli, che sarà a doppio senso di marcia anche nel tratto più vicino al centro. In questo modo i veicoli provenienti dall’aeroporto non dovranno immettersi in via Bottego e in via Roma, strade della viabilità interna cittadina, ma avranno un accesso diretto alla stessa via Flaminia.
L’obiettivo è quello di migliorare la connessione dell’aeroporto con la stazione ferroviaria, oltre che con il casello autostradale. L’importo di questo secondo intervento è di 753 mila euro.

Un altro intervento importante, per un investimento di 500 mila euro, è quello per la realizzazione di un collettore all’interno del nuovo argine del fosso della Liscia (corso d’acqua che costeggia la pista di atterraggio da un lato e via del Consorzio dall’altro, in cui confluiscono i fossi San Sebastiano e Cannetacci) per convogliare le acque piovane. Questo intervento, da realizzare in accordo con Viva Servizi e il Consorzio di Bonifica, andrebbe a completare gli interventi già programmati dal Consorzio stesso per la regimazione idraulica dei fossi San Sebastiano, Rigatta e Cannetacci, che in più occasioni hanno esondato allagando non solo la pista di atterraggio, ma anche l’abitato di Castelferretti, di Fiumesino e la zona industriale di Falconara.

Altri 440 mila euro saranno utilizzati per ampliare via del Fossatello, strada considerata una via di fuga dall’aeroporto. L’ampliamento consentirà anche di completare la pista ciclabile di via Fossatello fino a congiungersi con il territorio di Chiaravalle, con cui l’intervento dovrà essere concordato.

L’ultimo intervento, per 880 mila euro, prevede la realizzazione nella fascia di terreno tra via del Consorzio e la linea ferroviaria di un grande parcheggio per la sosta lunga, aree destinate alla sosta degli autobus e dei taxi, servizi di noleggio e lavaggio auto. Tale intervento potrà essere realizzato per stralci, tenendo conto dell’andamento del traffico aeroportuale e delle effettive esigenze dello scalo.

«La convenzione con la Regione Marche – dice Raimondo Mondaini, vicesindaco di Falconara, con delega al Bilancio – è il risultato di un lungo confronto. Sono contento che queste risorse restino sul territorio e ringrazio a nome dell’amministrazione comunale il presidente del consiglio regionale delle Marche e l’assessore regionale al Commercio e all’Internazionalizzazione, che sono stati i nostri principali interlocutori».

«Si riconosce l’importanza dell’intermodalità del territorio di Falconara – aggiunge l’assessore ai Lavori pubblici  Valentina Barchiesi – dove si incontrano aeroporto, ferrovia, autostrada e superstrada. Il nostro territorio ha bisogno di potenziare la mobilità sostenibile attraverso servizi che la supportino e percorsi ciclopedonali. Questo aspetto va ad aggiungersi al finanziamento di opere che garantiscono sicurezza idrogeologica, aeroportuale e stradale».