Aerdorica, gara deserta: nessun privato interessato all’acquisto del 51% della società

Nessuna offerta di acquisto è pervenuta entro il termine previsto dal bando di gara, uscito i primi giorni di novembre. Massei: «La gara deserta è un risultato prevedibile vista la concomitanza con il periodo dell'istruttoria prefallimentare».

FALCONARA- Aperte le buste rimane l’amaro in bocca. Le due manifestazioni di interesse arrivate nelle scorse settimane avevano fatto ben sperare ma alla fine, nessun privato si è mostrato realmente interessato all’acquisizione del 51% di Aerdorica per rilanciare il Sanzio. Troppo rischioso farsi avanti vista l’istanza prefallimentare avviata dal Tribunale di Ancona e quindi, nessuna offerta di acquisto è pervenuta entro il termine previsto dal bando di gara, uscito i primi giorni di novembre.

Federica Massei, Amministratore Unico di Aerdorica s.p.a

«La gara deserta è un risultato prevedibile vista la concomitanza con il periodo dell’istruttoria prefallimentare. Certamente le manifestazioni di interesse pervenute nelle scorse settimane avrebbero potuto avere un seguito più concreto in un altro contesto. Due gruppi stranieri in particolare avevano intrapreso la strada della due-diligence ma per ora, comprensibilmente, non hanno concretizzato l’interesse- spiega Federica Massei amministratore unico Aerdorica-. È evidente che un investimento di oltre 13 milioni di euro in un percorso prefallimentare difficilmente avrebbe potuto trovare investitori. Siamo già pronti a proporre nuovamente il bando una volta perfezionato il percorso di risanamento».