Ad Ancona Italia Loves Sicurezza

Anche il capoluogo dorico tra le 100 città italiane che scendono in campo per l'iniziativa che celebra domani, 28 aprile, la Giornata Mondiale della Salute e della Sicurezza sul Lavoro. Coinvolto il teatro delle Muse con lo spettacolo “Giorni rubati”

Lo spettacolo Giorni Rubati

ANCONA – Anche Ancona tra le 100 città italiane che scendono in campo per Italia Loves Sicurezza, l’iniziativa che celebra domani, 28 aprile, la Giornata Mondiale della Salute e della Sicurezza sul Lavoro. Nel Belpaese circa trecento gli eventi organizzati, tra questi quello del capoluogo dorico in cui si vuole riempire il teatro delle Muse con mille posti.  «Le prenotazioni sono 950, restano 50 posti che sicuramente verranno richiesti last minute. La sfida è vinta – sostiene Alessandro Nanni, titolare di Soluzioni Srl di Ancona che ha organizzato la manifestazione insieme alla Fondazione LSH, un’associazione no profit che sviluppa attività di ricerca, programmi di formazione e campagne di informazione in questo ambito -. Esserci riusciti dimostra come questo problema, che in Italia fa oltre 1000 morti l’anno, sia sempre attuale e molto sentito da tutti. L’impegno del Comune di Ancona, di Confindustria Ancona, Confapi, Università Politecnica della Marche, quella di Macerata e del Rotary Club e di tanti altri partner è stato eccezionale».

Mille le persone che seguiranno “Giorni rubati”, lo spettacolo in programma del movimento Italia Loves Sicurezza. Una storia vera, una testimonianza diretta trasformata in uno spettacolo mozzafiato, perché dimostra come una vita può cambiare in un secondo. E dice anche dell’eccezionale forza d’animo del protagonista che ha trasformato una problema in opportunità. «E gli applausi segneranno questo incredibile momento di sensibilizzazione che parte dal Teatro Le Muse per arrivare alla mente e al cuore di chi opera ogni giorno mettendo a rischio la propria e l’altrui integrità», spiegano gli organizzatori. «Vogliamo ringraziare – conclude Nanni – quanti partecipano a questa iniziativa e quanti vorranno partecipare alle altre in programma nel prossimo futuro, perché Marche Love Sicurezza».