Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Ad Ancona arriva Museomix: 24 professionisti ripensano il Museo della Città

Dall’8 al 10 novembre si svolgerà un laboratorio creativo multidisciplinare per raccontare in modo diverso la storia del capoluogo marchigiano avvalendosi di varie professionalità provenienti dall'Italia e dall'Europa.

ANCONA – Raccontare la storia di Ancona in modo diverso e innovativo attraverso prototipi e dispositivi digitali per migliorare la fruizione del museo da parte dei visitatori. Sono 24 i professionisti museali (Mixers) provenienti dall’Italia e dall’Europa (scelti tra le 100 candidature pervenute) pronti a “remixare” il Museo della Città. Dall’8 al 10 novembre si terrà Museomix, un laboratorio creativo multidisciplinare che si svolgerà all’interno della struttura in Piazza del Plebiscito. Il progetto è stato presentato questa mattina (30 novembre) dalla Società Cooperativa Le Macchine Celibi ed è sostenuto dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Ancona, dall’Università Politecnica delle Marche, la Fondazione Marche Cultura e Unesco Giovani Marche. L’evento è realizzato grazie all’impegno di enti territoriali, aziende e volontari che mettono a disposizione materiali e risorse.

Museomix si svolgerà contemporaneamente in 10 musei del mondo: Ancona, Delhi, Firenze, Valcourt, Forez, Île-de-France, La Hulpe, Lausanne, Emperi e Douai. «Il progetto nasce in Francia nel 2011 e si è diffuso in tutto il mondo. Ancona e Firenze sono le uniche due città italiane selezionate per ospitare la nona edizione della maratona creativa museale internazionale – spiega Laura Lanari, della Società Cooperativa Le Macchine Celibi -. Per tre giorni professionisti museali e personalità come informatici, esperti in comunicazione ecc… lavoreranno insieme per ripensare il Museo della Città e realizzare progetti».

Il Museo della Città, che con le sue opere racconta la storia millenaria di Ancona, nel 2020 compirà 20 anni. Recentemente  ampliato, nella nuova ala denominata “Spazio Presente” i contenuti dell’allestimento sono stati costruiti attraverso l’incontro con i cittadini. Lo slogan di Mueseomix è infatti: “People make museum”. Inoltre, il Museo della Città si trova nel cuore del centro storico e rappresenta il luogo di partenza ideale per il turista e luogo di riscoperta continua per il cittadino.

L’assessore alla Cultura, Paolo Marasca

«Il museo ricopre la funzione di luogo di comunità e di costruzione dell’identità del territorio. L’utilizzo delle nuove tecnologie aiuta a raccontare in modo innovativo la storia della città» afferma l’assessore alla Cultura, Paolo Marasca.

Durante le giornate il museo sarà aperto al pubblico anche con eventi di animazione, visite guidate, concorsi e incontri tematici. Le iniziative sono libere e gratuite.
Venerdì 8 novembre alle ore 11:00 è in programma un ciclotour alla scoperta del centro storico della città in collaborazione con il Collettivo 25 kmh (prenotazione obbligatoria al numero 071.2225047 dal martedì alla domenica dalle 16 alle 19) oppure all’indirizzo museicivici.ancona@gmail.com). Sempre venerdì alle ore 21:00 preview del Festival Cinematica 2020, incontro con Simona Lisi. Durante la serata saranno proiettati i bellissimi corti di videodanza provenienti dalla competizione internazionale del festival anche nella location dello studio Contemporaneo.

Il 10 novembre alle ore 16:00 speciale apertura del museo al pubblico con la possibilità di provare i prototipi realizzati durante la maratona creativa. Con l’occasione sarà possibile prendere parte al concorso fotografico MAB Marche, le foto migliori che saranno realizzate per immortalare l’evento, saranno premiate nel corso dell’anno con l’organizzazione di una mostra. La prima edizione di Museomix ad Ancona non finirà il 10 novembre: i prototipi resteranno in mostra al museo e sono previsti incontri di approfondimento con professionisti del settore per valutare l’impatto dei prototipi anche rispetto al tessuto cittadino.

I partner di Museomix Ancona: il gruppo di ricerca Distori Heritage, il FabLab di Falconara, la Cooperativa Oasi Colori, Hi-Storia e la Ciclofficina di Ancona; gli architetti Andrea Mangialardo e Anna Paola Quargentan; Collage Creativi, Sineglossa, CreativeMornings Ancona, il Social Media Team della Regione Marche e Adele Iasimone; il Festival Cinematica; Stoviglioteca; Collettivo 25 kmh; la Soc. Coop. Polo9 del Punto Luce di Ancona; l’Hotel Cantiani; la Cooperativa “La Selva” di Castelfidardo; l’Azienda Umani Ronchi; Coop. Alleanza 3.0; “Pizze e Delizie”; libreria Fogola.