25 aprile, Mancinelli contro Salvini: «Inaccettabile che un ministro non partecipi alle celebrazioni»

Dopo la cerimonia al Passetto per la festa della Liberazione, dal palco di piazza Cavour duro l'intervento del sindaco di Ancona contro il vicepremier

Il Tricolore, la bandiera italiana
Il Tricolore, la bandiera italiana

ANCONA – La mancata partecipazione alle celebrazioni del 25 aprile a Roma del ministro e vicepremier Matteo Salvini ha fatto scalpore e anche ad Ancona non sono mancate le reazioni. Dopo la cerimonia al Passetto, dal palco in piazza Cavour, duro l’intervento del sindaco di Ancona Valeria Mancinelli: «È inaccettabile, inammissibile, che un ministro della Repubblica non partecipi alle manifestazioni per il 25 aprile perché si possono avere idee diverse, come le avevano i padri costituenti, ma la democrazia e la libertà sono un patrimonio comune».

Poi ha ricordato e ringraziato chi, 74 anni fa, ha lottato e donato la vita per la libertà. «Eroi che erano persone normali che volevano avere una vita normale, dopo 20 anni di dittatura, le leggi razziali, la guerra, l’occupazione nazifascista». Hanno preso la parola anche Guido Lorenzetti di Aned Milano e Daniele Fancello, vicepresidente provinciale Anpi.