Centro Pagina - cronaca e attualità

Ancona

Ancona, ecco i costi del Natale

Con un'interrogazione urgente, il consigliere Stefano Tombolini della Lista Civica 60100 ha chiesto al sindaco Valeria Mancinelli le spese per le installazioni del periodo natalizio, che ammontano complessivamente a 145 mila euro

Consiglio comunale a Palazzo degli Anziani
Consiglio comunale a Palazzo degli Anziani

ANCONA- I costi per addobbi, luminarie e attrazioni per le prossime feste di Natale tornano ad accendere il Consiglio Comunale, incentrato quest’oggi (9 ottobre) sull’approvazione del bilancio consolidato. Con un’interrogazione urgente, il consigliere Stefano Tombolini della Lista Civica 60100 ha chiesto al sindaco Valeria Mancinelli le spese per le installazioni del periodo natalizio.

«Per addobbi e illuminazione l’importo complessivo è di 115 mila euro ma non è detto che questi costi siano interamente a carico del Consiglio comunale. Contiamo si avere sponsorizzazioni significative come avvenuto lo scorso anno- risponde il sindaco-. Per quanto riguarda la ruota panoramica, le somme ad oggi impegnate dall’amministrazione ammontano a 8.010 euro per gli scavi archeologici e per la perizia del geologo Chelli. Per la realizzazione della piastra su cui poggerà la ruota il costo è di 30.078 euro ma con il ribasso d’asta la spesa potrebbe scendere a 20mila euro. Per la pista di pattinaggio non ci sono costi in quanto sono operatori privati che allestiscono la struttura e quindi pagano l’utilizzo di suolo pubblico». La pista di pattinaggio quest’anno potrebbe essere posizionata in piazza Roma, lato Rettorato piuttosto che in piazza Cavour come  invece lo scorso Natale.

Scavi in piazza cavour

«È stato un privato a farsi avanti per la ruota oppure è stata un’idea della Giunta?» continua Tombolini. «È stato un soggetto terzo a proporsi alla Giunta e questa idea è stata valutata positivamente, tenendo conto dei pareri della Soprintendenza» riferisce il sindaco.

Il capogruppo di Forza Italia Daniele Berardinelli torna invece sull’affidamento diretto al geologo Chelli per la perizia in piazza Cavour. «I due geologi del Comune erano impossibilitati e avevamo bisogno di una relazione in tempi brevi come ha fatto Chelli, che tra l’altro conosce molto bene piazza Cavour» spiega il sindaco Mancinelli.