Alla Misericordia di Fabriano il “Torneo dei Pioppi” entusiasma ancora

Il quadrangolare di calcio a 5 organizzato in memoria di Cristiano Aquilanti Pelagalli (scomparso nel 1995 a soli 19 anni) è stato vinto dalla squadra "Quelli del Colle"

"Quelli del Colle" vincitori del Torneo dei Pioppi a Fabriano

FABRIANO – La terza edizione del “Torneo dei Pioppi”, nel nuovo campo di calcio a 5 della parrocchia Madonna della Misericordia di Fabriano, è stato vinto da “Quelli del Colle”. Si è trattato di un quadrangolare che ha assegnato il memorial “Cristiano Aquilanti Pelagalli”.

Lo scopo dell’evento non era il puro agonisimo, ma principalmente il desiderio di amicizia e il ricordo del ragazzo scomparso nel 1995. Le altre tre squadre che hanno partecipato al torneo sono state il Dopolavoro Ferroviario, i Garden Boys Fabriano 1 e i Garden Boys Fabriano 2.

A livello individuale, è stato premiato come miglior portiere Osvaldo Regno, mentre Calvero Busco con quattro reti ha vinto il titolo di capocannoniere. Riconoscimenti anche per i due arbitri Adriano Palazzi e Riccardo Cammoranesi che con polso fermo sono riusciti a tenere a bada questa banda di “diversamente giovani” presenti in campo…

La squadra vincitrice: “Quelli del Colle”

Finita la premiazione, quest’anno offerta dal ristorante “Teomar” di Matteo Angeloni, alle ore 19 tutti si sono trasferiti nell’adiacente chiesa per la Santa Messa celebrata in ricordo di Cristiano Aquilanti Pelagalli. All’uscita, ad attendere tutti, una ricchissima cena a buffet servita nell’accogliente giardino parrocchiale, offerta da Alida Venturini (la mamma di Cristiano) e dall’associazione “Cristiano per la vita” creata anni fa per aiutare tutti i giovani che vivono nel disagio.

L’instancabile Sandro Barocci, tra i principali organizzatori del torneo, ci tiene a «ringraziare quanti hanno reso possibile questo evento e l’ospitalità di Don Umberto Rotili», dando appuntamento a tutti al prossimo anno, con l’intenzione di organizzare anche un torneo giovanile al fianco di questo per veterani.