Il Città di Falconara riparte da Sofia Luciani

Il capitano delle citizens ha giurato amore incondizionato alla società falconarese che intanto ha inoltrato la richiesta di ripescaggio in Serie A Elitè: «Sono legata a questa maglia e questi tifosi. Rimarrò anche senza ripescaggio»

Sofia Luciani

FALCONARA – Sono giorni importanti in casa Città di Falconara. Da una parte la domanda di ripescaggio in Serie A presentata dal presidente Marco Bramucci, e già inoltrata alla Divisione Calcio a5. Dall’altra l’allestimento del roster in vista della prossima stagione, nonostante la momentanea incertezza della categoria. C’è però una prima pietra ed è forse quella importante. Sofia Luciani, il capitano, il trait d’union tra passato e presente sarà ancora biancoazzurra giurando amore incondizionato alla maglia falconarese:

«Questa città e questa società si meritano la massima serie. Per quel che mi riguarda resterò qui anche se non dovessimo essere ripescati – spiega il capitano del CdF – Sono legata a questa maglia e questi tifosi. Sono convinta che qui si può vincere perché c’è una programmazione che guarda lontano, un progetto costante che cresce con tecnici e preparatori di primo ordine e un occhio attento e veramente serio al settore giovanile».

Nell’ultimo campionato la retrocessione ha lasciato l’amaro in bocca a tutto l’ambiente: «L’ultima stagione, per certi versi, è stata anomala. Doveva essere un girone unico a 16 squadre e invece siamo partite in 17. Poi il ritiro del Locri, lo smantellamento in corsa del Pescara. Un torneo sfasato dall’inizio alla fine e con ben sei retrocessioni. Noi siamo arrivate 14 punti sopra il Real Grisignano che contro di noi al playout, meritatamente, si è salvata».

Uno sguardo ottimistico al futuro che, con Luciani, è più roseo per Falconara: «Qui si sta bene, si cresce e la gente ti incontra per strada per incitarti. Il futuro è dalla nostra parte».